rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Costume e Società

Efebo d'Oro, a Constanze Ruhm va il premio Efebo d'Oro nuovi linguaggi città di Palermo

Alla regista, artista autrice e curatrice austriaca i cui lavori investigano la connessione tra cinema, nuovi media e archivi va il riconoscimento che sarà consegnato durante la 43a edizione in programma dal 14 al 20 novembre

A Constanze Ruhm filmmaker, regista, artista autrice e curatrice austriaca, i cui lavori investigano la connessione tra cinema, nuovi media e archivi, focalizzandosi sulla rappresentazione e performatività in relazione alla storiografia femminista, va il Premio Efebo d’Oro Nuovi Linguaggi - Città di Palermo. Il riconoscimento sarà consegnato durante la 43a edizione dell'Efebo d'Oro, in programma a Palermo dal 14 al 20 novembre 2021. 

Al contempo l'Efebo d'Oro - Premio Internazionale di Cinema e Narrativa, festival di cinema e scrittura, in 7 giorni di programmazione omaggerà Costa-Gavras, regista greco naturalizzato francese, cineasta di fama internazionale la cui filmografia è sinonimo di impegno civile e onestà intellettuale, che riceverà il Premio Efebo d'Oro alla carriera – Banca Popolare Sant'Angelo.

In concorso, invece, si presenteranno 7 film tratti da opere letterarie - in lizza per l'Efebo d'Oro – e 7 opere prime o seconde in concorso per l'Efebo Prospettive, insieme ad un ricco calendario di appuntamenti e approfondimenti. I film vincitori dei due concorsi saranno decretati dalle giurie composte da: per l’Efebo d'Oro Egle Palazzolo (presidente del Centro di Ricerca per la Narrativa e il Cinema), Roberto Escobar (critico cinematografico), Frédéric Farrucci (regista), Olivia Magnani (attrice) e Leena Pasanen (direttrice Biografilm Festival); per l’Efebo Prospettive Doriana Leondeff (sceneggiatrice), Maryam Goormaghtigh (regista) e Francesco Calogero (regista).

Chi è Constanze Ruhm 

Constanze Ruhm vive tra Vienna e Berlino e lavora come filmmaker, artista, autrice e curatrice. In generale i suoi lavori possono essere definiti come delle costellazioni piuttosto che narrazioni lineari, mondi in cui le prospettive si spostano a seconda del punto di vista dello spettatore e dove i codici - dalla performance alla finzione - si mescolano incessantemente. "Ho bisogno di questa apertura di forme estetiche ma che siano, allo stesso tempo, sempre profondamente legate alle posizioni politiche, alle questioni e alle prospettive femministe, alla critica del patriarcato e alle forme egemoniche di narrazione".

I suoi film e le sue installazioni investigano la relazione tra cinema, nuovi media e archivi focalizzandosi sulla storia dei film e sui personaggi cinematografici femminili sospesi tra finzione e realtà, tra documentazione e fantasma. Il suo interesse principale è rivolto a rappresentazione e performatività e alla loro relazione con la storiografia femminista. Affronta così i temi dell'identità femminile, facendo appello alla teoria femminista che tende a mettere in luce la dimensione di genere e il rapporto di dominio che si esercita all'interno delle produzioni cinematografiche utilizzando lo strumento della ripetizione, uno dei concetti fondamentali del suo lavoro.

Anche se variano formalmente e concettualmente o in termini di estetica, tutti i suoi film sono profondamente collegati tra loro. "Il processo di sviluppo è molto idiosincratico, direi... una volta che c'è un soggetto chiaro, funziona come un centro gravitazionale, come una calamita, una forza che attira altri sotto-argomenti, temi, immagini, idee, testi e così via. Colleziono materiali da molto tempo; è un processo come scrivere un testo, poiché la mia scrittura gioca sempre un ruolo molto importante nei miei film. In questo senso è un processo veramente saggistico; gran parte della realizzazione, della strutturazione avviene successivamente, in sala di montaggio. Ogni nuovo progetto è una nuova strada e non so dove mi porterà - il che è anche bello in un certo senso, perché a volte sento che il film stesso “vuole” qualcosa, ha un desiderio e io sono solo qualcuno da scoprire quel desiderio, come piuttosto essere un mezzo attraverso il quale passano quei flussi di narrazioni e immagini". 

Dal 1996, insegna Film e Video in contesti internazionali e dal 2006 è docente all’Accademia di Belle Arti di Vienna. I suoi lavori hanno partecipato a mostre ed esibizioni internazionali: tra le ultime si ricorda Putting Rehearsals to the Test, in collaborazione con Sabeth Buchmann e Ilse Lafer (VOX Centre de l’image contemporain, Leonard and Bina Ellen Gallery, SBC Gallery, Montréal 2016).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Efebo d'Oro, a Constanze Ruhm va il premio Efebo d'Oro nuovi linguaggi città di Palermo

PalermoToday è in caricamento