Costume e Società

Bike sharing, negozi di prodotti sfusi e orti urbani: ecco l'ecomappa della città 

La guida, navigabile da computer e smartphone, è stata realizzata da Greenpeace con l'obiettivo di promuovere uno stile di vita più sostenibile e offrire ai residenti uno strumento per ridurre l'impatto ambientale, dai trasporti ai consumi

Negozi che vendono sfuso e alla spina, ciclofficine, casette dell’acqua potabile, orti urbani e mercati contadini. Sono nascosti e spesso hanno pochi mezzi per promuoversi, ma ci sono. Greenpeace ha deciso di metterli insieme realizzando un ecomappa digitale che permette di scoprire il lato più green di nove città italiane, Palermo inclusa. La guida, navigabile da computer e smartphone, permette di trovare anche le aree verdi o le colonnine di ricarica elettrica o ancora i servizi di car e bike sharing più vicini. Di scoprire quali zone della città sono collegate da piste ciclabili, se ci sono e orientarsi tra parchi, giardini e negozi di artigianato. La nuova iniziativa di Greenpeace intende promuovere uno stile di vita più sostenibile e offrire a cittadine e cittadini uno strumento per ridurre il nostro impatto ambientale, dai trasporti ai consumi. A mappare i servizi green le volontarie e i volontari dell'associazione ecologista. I punti censiti saranno periodicamente aggiornati grazie anche alle segnalazioni di tutti gli utenti che vorranno contribuire attivamente al progetto.

Naviga la mappa

“Oggi 4,2 miliardi di persone, cioè circa il 55% della popolazione mondiale, vive nelle città, centri nevralgici di molte attività economiche ma anche - spiega Martina Borghi, portavoce del progetto Ecomappa di Greenpeace Italia - responsabili del 70% delle emissioni globali di gas serra. I lockdown imposti dalla pandemia di COVID-19 ci hanno portato a riconoscere la necessità di ripensare le nostre città, renderle più verdi e sostenibili. Grazie alle nostre volontarie e ai nostri volontari, abbiamo raccolto - conclude Borghi - le soluzioni già esistenti per una vita più sostenibile nei centri urbani e speriamo che questo progetto cresca nel tempo, con la partecipazione di tutte e tutti, ispirando la nascita di nuove abitudini ed esperienze verso città sempre più vivibili”.

L’ecomappa di Greenpeace, oltre Palermo, è stata lanciata a Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Palermo, Firenze, Lucca e Pisa.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bike sharing, negozi di prodotti sfusi e orti urbani: ecco l'ecomappa della città 

PalermoToday è in caricamento