U-DatiNos, due palermitani creano un'opera d'arte per "ascoltare" il suono del Fiume Oreto

Il progetto dell'Ecomuseo Urbano Mare Memoria Viva e firmato dal duo di artisti-ricercatori Iaconesi e Persico è il vincitore del bando Creative Living Lab II edizione. L'opera nasce dal desiderio di prendersi cura della costa sud-est della città

Sulla foce del fiume Oreto, è in arrivo U-DatiNos, un'opera d’arte “infoestetica”: fra dati, sensori e workshop, nasce dal desiderio di prendersi cura di un territorio (la costa sud-est di Palermo), interrogarsi sul futuro del fiume Oreto - da tempo in stato di abbandono, inquinamento e degrado, ora oggetto di iniziative per recuperarlo e restituirlo alla collettività - e indagare il nostro rapporto con l’ambiente, sperimentando nuovi modi di connetterci con esso attraverso i dati.

Il progetto dell'Ecomuseo Urbano Mare Memoria Viva e firmato dal duo di artisti-ricercatori Iaconesi e Persico è il vincitore del bando Creative Living Lab II edizione, promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il turismo. Si tratta di un'installazione meditativa per “ascoltare” l’acqua di Palermo, una piattaforma di espressione e attivazione per gli abitanti e le comunità della città, un luogo d’incontro per godere della bellezza dell’arte e del paesaggio.

Un'azione artistica partecipativa in cui i dati si incarnano nello spazio pubblico per farsi esperienza condivisa e accessibile, cultura diffusa e conoscenza agibile dai cittadini e non più solo dagli esperti. I dati, concepiti come questione esistenziale e spazio di espressione, diventano la porta di accesso per entrare in contatto con questioni complesse come lo stato delle acque di una città e riuscire a farne esperienza.

Il progetto 

Il progetto si articola in quattro componenti principali:

  • I workshop: quindici persone, tra cittadini e studenti dell’Accademia, diventeranno i “custodi dell’acqua” di Palermo. Muniti di sensori e della conoscenza per usarli, impareranno a rilevare dati sullo stato dell’acqua, a trasmetterli e a comunicarli.
  • Data generation: i partecipanti saranno i protagonisti di una raccolta dati partecipativa sulle acque della città di Palermo e in particolare del fiume Oreto.
  • L'opera: alimentata dai dati della raccolta, un'opera d'arte “generativa” si animerà di suoni e luci, dando voce alle acque della città, informandoci e tenendoci aggiornati sulle condizioni delle acque in base ai dati emersi dalla raccolta.
  • L'incontro: l'apertura dell'opera al pubblico sarà l'occasione di confrontarsi con abitanti, ricercatori, studenti e istituzioni per discutere come dati, arte e computazione possono aiutarci ad affrontare i fenomeni complessi della nostra società, quali l'inquinamento, il cambiamento climatico o la pandemia - con lo sguardo rivolto ai futuri del fiume Oreto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento