rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Costume e Società

Teatro Massimo, la vita e le opere di Mozart diventano un gioco a quiz per i più piccoli

Al centro del programma la vita del compositore viennese raccontata in tre puntate: la prima (online da oggi) racconta la nascita e l'infanzia, la seconda (dall'11 novembre) la sua vita adulta e la carriera, la terza (dal 17 novembre) le leggende e le verità sulla sua morte

Un gioco a quiz sulla vita e le opere di Mozart dedicato ai più piccoli e pensato per avvicinarli al mondo della musica. Sulla web tv del Teatro Massimo arriva "Mozart Quest", in programma da oggi. 

Si tratta di un progetto digitale per le scuole realizzato dal Teatro Massimo di Palermo fra il 2020 e il 2021 durante il lockdown, quando il teatro era chiuso al pubblico. Un programma di intrattenimento educativo e divertente pensato per far conoscere ai più piccoli (fascia d’età 5-11 anni) la magia della musica e del teatro. Al centro del programma è la vita di Mozart raccontata in tre puntate: la prima (online dall’8 novembre) racconta la nascita e l’infanzia del compositore, la seconda (dall’11 novembre) la sua vita adulta e la carriera, la terza (dal 17 novembre) le leggende e le verità sulla sua morte.

Il racconto contiene alcune domande le cui risposte sono nascoste nelle parole, nella musica e nelle lettere che compaiono durante lo svolgimento delle scene. I bambini potranno partecipare da casa o a scuola, da soli o in gruppo, e potranno interrompere, tornare indietro e ritentare le risposte in una sorta di caccia al tesoro a quiz che vuole incuriosire e affascinare e che farà ascoltare ai bambini, senza che quasi se ne accorgano, alcune delle più belle musiche del grande compositore viennese.

Mozart Quest è un programma realizzato dal Teatro Massimo di Palermo che ha affidato a Manu Lalli la regia e la drammaturgia del programma con il coordinamento dell'Ufficio marketing ed educational. Le riprese sono state realizzate all’interno del Teatro, trasformato per l’occasione in un set cinematografico.

A interpretare i personaggi del racconto: Oriana Martucci (La Fata), Pietro Massaro (L’archivista), ed Emanuela Sgarlata (Soprano). Alla realizzazione del programma hanno partecipato l’Orchestra del Teatro Massimo, diretta dai Maestri Michele De Luca e Daniele Malinverno, il Coro, diretto dal Maestro Ciro Visco, e il Corpo di ballo del Teatro, diretto da Davide Bombana, che ha danzato con le coreografie di Marcello Carini e Gaetano La Mantia sulla scalinata monumentale, nella terrazza sopra la torre del palcoscenico, nella Sala pompeiana, nella Sala degli Specchi e nel foyer del Teatro. I set sono stati realizzati dagli attrezzisti del Teatro Massimo. Disegno scenico Daniele Leone. Direttore allestimento scenico Luca Gandini. Coordinamento televisivo Gery Palazzotto, regia televisiva, Antonio di Giovanni, montaggio Davide Vallone. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teatro Massimo, la vita e le opere di Mozart diventano un gioco a quiz per i più piccoli

PalermoToday è in caricamento