Domenica, 26 Settembre 2021
Costume e Società

Le Madonie viste da Enzo Sellerio ma non solo: nuove fotografie accanto a quelle storiche

E' stato presentato, presso la Sala Ninni Sole di Palazzo Sant'Elia, il progetto Madonie. Paesaggi 1973/2021 - Fondo storico e nuove committenze, vincitore del Bando nazionale del MiC Strategia Fotografia 2020

E' stato presentato, presso la Sala Ninni Sole di Palazzo Sant'Elia (via Maqueda, 81), sede distaccata a Palermo dell’Ente Parco Madonie, il progetto Madonie. Paesaggi 1973/2021 - Fondo storico e nuove committenze, vincitore del Bando nazionale del MiC Strategia Fotografia 2020.

Il Comune di Petralia Sottana custodisce le opere del progetto “Le Madonie viste da Enzo Sellerio, Josip Ciganovic e Leonard Freed”, patrimonio del Museo civico Antonio Collisani ed esposto nel Palazzo del Giglio, storica sede del Municipio. Un importante fondo storico nato nel 1973 quando Enzo Sellerio ideò e curò un'esposizione dai caratteri estremamente innovativi con novantotto fotografie di grande formato (200x120 e 120x70), presentando una narrazione paesaggistica, antropologica, sociale ed economica dell'intera comunità montana delle Madonie.

Oggi il progetto “Madonie, Paesaggi 1973/2021. Fondo storico e nuove committenze”, promosso dal Museo civico Antonio Collisani, istituzione del Comune di Petralia Sottana, in collaborazione con l'Ente Parco delle Madonie e l'Accademia di Belle Arti di Palermo, vincitore del bando nazionale del Ministero della Cultura (MiC), Direzione Generale della Creatività Contemporanea, “Strategia Fotografia 2020”, è il primo gradino di un ampliamento della collezione fotografica sul paesaggio madonita, attraverso uno sguardo contemporaneo.  Ideato e curato da Sandro Scalia e Emilia Valenza, docenti dell’Accademia di Belle Arti di Palermo, prevede la committenza a nove autori contemporanei, affermati e mid-career di complessive 40 fotografie. 

Nel periodo compreso tra luglio e ottobre si svolgeranno le residenze d'artista coadiuvate da attività di incontro con la comunità e attività didattiche con gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Palermo. La parte centrale del progetto verterà sull’acquisizione, conservazione e valorizzazione delle opere richieste, che confluiranno in una mostra finale e in un catalogo, che metteranno assieme il Fondo Sellerio, già esistente, e il nuovo progetto. 

Gli autori contemporanei invitati sono: Guido Guidi (tra i più importanti fotografi del paesaggio e docente in varie università italiane), Paulo Catrica (fotografo portoghese e docente all’Universidade Nova de Lisboa e all’Universidade Católica do Porto), i sei autori del gruppo Presente Infinito (Marcello De Masi, Luigi Fiano, Lorenzo Martelli, Alvise Raimondi, Sebastiano Raimondo e Giovanni Scotti) e la fotografa siciliana Maria Vittoria Trovato. 

Ogni fotografo entrerà in contatto con il territorio, con il paesaggio, con le comunità madonite e l'opera prodotta dai maestri del Fondo Storico, sviluppando il nuovo progetto fotografico che verrà valorizzato in ambito internazionale, grazie alla realizzazione del libro e all'influenza degli autori principali nei paesi europei. Le diverse fasi del progetto “Madonie Paesaggi 1973/2021 - Fondo storico e nuove committenze” potranno essere seguite, in divenire, sul sito del museo Collisani (www.museocollisani.it) e sulle pagine social Facebook e Instagram.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le Madonie viste da Enzo Sellerio ma non solo: nuove fotografie accanto a quelle storiche

PalermoToday è in caricamento