menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lo schizzo è dell'illustratrice Giuliana Flavia Cangelosi

Lo schizzo è dell'illustratrice Giuliana Flavia Cangelosi

Com'era Palermo al tempo della dominazione araba? Lo racconta Gaetano Basile in un libro

L'autore parla di una Sicilia araba fiabesca e artigiana. Novità della Dario Flaccovio, in libreria dal 12 novembre, “La vita in Sicilia al tempo degli Emiri è un viaggio nell’Isola felice al tempo della dominazione araba

Il ritorno di Gaetano Basile parla di una Sicilia araba fiabesca e artigiana. Novità del mese di novembre della Dario Flaccovio, in libreria dal 12 novembre, “La Vita in Sicilia al tempo degli Emiri”: un viaggio nell’Isola felice al tempo della dominazione araba. 

Col suo stile sapientemente arguto e con grande ricchezza di dettagli poco noti o del tutto originali, Basile si spinge ben al di là della storia tramandata e riflette sull’importanza che ha avuto la dominazione islamica - usualmente ma impropriamente definita “araba” - in Sicilia, influenzandone per sempre mentalità e cultura. E narra contaminazioni e origini di un connubio tra popoli che ha portato nell’isola una ricchezza inestimabile. 

L’autore parte da una domanda che diventa il feel rouge dell’intero racconto della sua Palermo araba: si è trattata di una guerra di conquista della Sicilia o no? Gli arabi sono stati dei lenti conquistatori dell’Isola, di certo, ma attorno alla loro cultura si è sviluppata l’architettura di chiese, moschee, harem e mercati popolari che hanno lasciato un segno nella tradizione siciliana. Palermo non ha mai abbandonato la sua natura araba, che Basile approfondisce da storico e ricercatore con la leggerezza arguta del narratore di secoli lontani. Non solo ciò che è rimasto, dagli emiri a oggi, come i nomi delle vie e dei mercati palermitani, Basile parla di moneta, medicina e di ceramica siciliana. “I grandi maestri arabi - scrive Basile - da cui si apprendeva l’arte di curare la gente portavano i nomi di Harun che descrisse il vaiolo, Mesue che si occupò di dietetica e ginecologia, Serapione che studiò l’idrofobia, assieme a cefalee e fenomeni isterici”. 

illustrazione_02-2

E dopo la medicina, c’è anche il sesso, quello del mondo degli harem, dove il cibo servito su di un vassoio veniva consumato usando la mano destra, mai con la sinistra perché al contrario la mano destinata all’igiene intima. C’è ancora il costume e la poesia, perché gli arabi seppero rendere lingua, cucina, arte, musica e architettura un modo di vivere e di intendere la vita. Questa prova a raccontare Gaetano Basile, divertendosi sempre a suo modo, tra curiosità, parole, luoghi e gesti rimasti ancora così intatti. "Gli arabi furono un’eccezione culturale - conclude Basile -. Ma per favore, non parlate mai di civiltà mediterranea".

L’autore 

GAETANO_BASILE-2Gaetano Basile è palermitano, giornalista, scrittore, autore televisivo e teatrale, nonché enogastronomo appassionato e narratore avvincente. Sa parlare alla memoria e al cuore della gente prescindendo da stereotipi e luoghi comuni. Profondo studioso della storia dei cibi tipici isolani, è accademico onorario dell’Accademia Italiana della Cucina e membro del Comitato studi sulla cucina siciliana. È anche maître ad honorem dell’Associazione dei Maîtres Italiani Amira. Nel 2011 è stato premiato dall’Associazione della Stampa Estera in Italia come “Miglior divulgatore culturale della gastronomia italiana”. Per la Dario Flaccovio ha pubblicato “Viva Palermo”, “La Vita in Sicilia al tempo dei Borbone”, “Sicilia, l’Isola che c’è”, “Palermo felicissima”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento