Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Costume e Società

Lenci De Santis, la vera storia di una donna scappata da Fiume che s'innamorò di Palermo

L'esodo da Fiume per raggiungere i campi profughi di Termini Imerese, poi il matrimonio con un monrealese. La storia, dall'atmosfera palermitana, è raccontata tra le pagine libro di Marilù Furnari e Martina Spalluto, figlia e nipote dell'"esule fiumana"

L'esodo da Fiume per raggiungere i campi profughi di Termini Imerese, poi il matrimonio con un monrealese. La storia, dall'atmosfera palermitana, è quella di Lenci De Santis raccontata nel libro di Marilù Furnari e Martina Spalluto. E' stata la stessa donna a raccontare questa storia alla figlia Marilù e alla nipote Martina che, insieme, hanno pensato di scrivere un libro a quattro mani dal titolo "L'esule fiumana" che sarà presentato giovedì 15 ottobre alle ore 18 al Gattopardo book coffee & food di via dell'Autonomia Siciliana 118. 

Nelle testimonianze raccolte e racchiuse in questa biografia, è la stessa Lenci De Santis a raccontare tutte le vicissitudini trascorse a Fiume durante il periodo post-bellico e durante l'invasione dei partigiani titini, l'esodo da Fiume, la definitiva sistemazione in Sicilia e infine il matrimonio con Pippo Furnari. 

La vita da adulta le regalerà le gioie di una famiglia "normale" ma inesorabilmente il ricordo delle vicende vissute la accompagnerà fino a sfociare proprio come un “fiume” nel desiderio di racconto affinchè il passato non venga dimenticato e sia chiave di lettura per il presente. Il ricordo delle foibe accompagnerà la vicenda umana della protagonista la cui vita è stata caratterizzata dalla riservatezza. Sono nell'età avanzata decide di raccontare per tramandare questi ricordi. 

Una storia poco nota a tutti. "Vi è stato un disinteresse da parte dell’opinione pubblica ma che è venuta alla ribalta dal 2004 anno in cui si è stabilito di celebrare il 'Giorno del Ricordo' - spiegano le autrici -. La storia dell'esilio giuliano-dalmata presenta diversi punti in comune con l'attuale esodo dall'Africa sub-sahariana. In questo libro inoltre viene evidenziata la generosa accoglienza da parte del popolo siciliano. Nel primo capitolo è descritta tutta la storia di Fiume dalla fine della prima Guerra Mondiale fino al 1948 anno dell’esodo. Per questo per noi questo libro è una memoria per il futuro". 

Le autrici 

Marilù Furnari, medico presso l'Ospedale dei Bambini "Di Cristina" di Palermo, spronata dalla figlia Martina, è alla prima esperienza da scrittrice e descrive in questo libro il racconto della vita di sua madre. Sposata; madre di due figli è molto legata al suo nucleo familiare. Da sempre è impegnata in attività sociali, politiche e sanitarie della sua città. Martina Spalluto, nata a Palermo il 20 luglio 2004, frequenta il terzo liceo del Liceo Scientifico Cannizzaro, ha avuto l’idea di farsi raccontare le vicende della vita della nonna dopo avere studiato la storia di Fiume.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lenci De Santis, la vera storia di una donna scappata da Fiume che s'innamorò di Palermo

PalermoToday è in caricamento