rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Costume e Società

Sanremo, a Colapesce e Dimartino il premio della critica Mia Martini e della sala stampa

Il duo siciliano si è piazzato al decimo posto al Festival della canzone italiana con "Splash", ma nonostante sia rimasto fuori dal podio ha portato a casa due dei più importanti riconoscimenti della competizione canora

Anche se restano fuori dal podio piazzandosi al decimo posto, portano a casa due dei più importanti premi del Festival di Sanremo. Colapesce e Dimartino infatti si aggiudicano con "Splash" il premio della critica Mia Martini e anche il premio della sala stampa Lucio Dalla: alla coppia siciliana (e per metà palermitana) sono andati i 29 voti dei giornalisti accreditati dell'Ariston, oltre al premio intitolato alla cantante che si è aggiudicata più di tutti questo riconoscimento. 

Chi vince il Festival di Sanremo 

Il leone d'oro, ovvero il primo posto, è tutto di Marco Mengoni, favoritissimo sin dalle prime stime, e della sua canzone, "Due vite", che ha addirittura messo in piedi il pubblico per l'unica standing ovation all'Ariston (l'unica quantomeno tra i cantanti in gara). Al secondo posto si classifica Lazza con "Cenere", che in serata aveva ricevuto l'endorsment su Instagram di Leao, attaccante del Milan. Terzo posto infine per Mr Rain che con "Supereroi" ha portato un coro di bambini sul palco e anche tanta dolcezza. Al quarto posto Ultimo con "Alba". Chiude la top 5 Tananai con "Tango". Premio Sergio Bardotti per il miglior testo a Coma Cose con "L'addio". Marco Mengoni vince anche il premio Giancarlo Bigazzi. 

"Splash", un successo dopo "Musica leggerissima" 

"Splash", l'ultimo successo del duo siciliano, promette dunque grandi cose. Come accaduto due anni fa con "Musica leggerissima", il cui ritornello faticò a non trasformarsi in un loop, anche la nuova canzone sanremese si prepara a volare in radio e a conquistare tutti. "Ma io lavoro per non stare con te" è apparsa persino nei cartelloni pubblicitari di mezza città e non solo (oltre che a Palermo, infatti, le affissioni si sono viste anche a Roma e Milano), per un'operazione di guerrilla marketing che non è passata inosservata. 

Una canzone che racconta anche un film 

La canzone con cui si aggiudicano i due premi sarà anche nei titoli di coda del film "La primavera della mia vita", al cinema dal 20 febbraio, scritto e interpretato da entrambi i cantautori. Ma qual è il significato della canzone? Si tratta di un brano che racconta di come ci si affanni a fare troppe cose per evitare la vita, delle sensazioni di fallimento e frustrazione amplificate da città come Milano. "Dovremmo abbassare la pressione sulle aspettative" aveva spiegato Colapesce durante un'intervista. A dargli il seguito Di Martino: "Prenderci cura di ciò che abbiamo, non solo di ciò che dobbiamo ancora ottenere". Questo è allora, forse, la chiave di tutto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanremo, a Colapesce e Dimartino il premio della critica Mia Martini e della sala stampa

PalermoToday è in caricamento