Costume e Società

La storia di Antonino e Stefano Saetta diventa un film, esce "L'abbraccio"

A ripristinarne il ricordo è ora il documentario scritto e diretto da Davide Lorenzano, prodotto da Cristian Patanè per Bridge Film, con la direzione della fotografia di Daniele Ciprì

Trentatré anni dall’agguato di Cosa Nostra che uccise, il 25 settembre del 1988, Antonino Saetta, Presidente della prima sezione della Corte d’Assise d’Appello di Palermo, di anni 67, e il figlio Stefano, trentacinquenne, lungo il tratto della SS 640 Agrigento-Palermo. 

A ripristinarne il ricordo è ora il film documentario “L’Abbraccio. Storia di Antonino e Stefano Saetta”, scritto e diretto da Davide Lorenzano, prodotto da Cristian Patanè per Bridge Film, con la direzione della fotografia di Daniele Ciprì. La pellicola è stata presenta ai concittadini delle vittime Saetta, in una manifestazione promossa e organizzata dalla Città di Palermo con l’Assessorato alla Cultura.

"L’Abbraccio" è stato infatti proiettato nella sala bianca del Centro Sperimentale di Cinematografia (Cantieri Culturali alla Zisa) durante un incontro in cui hanno partecipato il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando, l’Assessore alla Cultura Mario Zito, l’europarlamentare Caterina Chinnici, il Direttore della Sicilia Film Commission Nicola Tarantino, il Direttore del Centro Sperimentale di Cinematografia Ivan Scinardo, l’attore Gaetano Aronica, già interprete e voce del film, e il regista Davide Lorenzano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La storia di Antonino e Stefano Saetta diventa un film, esce "L'abbraccio"

PalermoToday è in caricamento