menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Trionfo della morte protagonista di un film: al via le riprese a Palazzo Abatellis

Il titolo del cortometraggio di Marco Savatteri con Iaia Forte e gli attori della Casa del Musical è “Che cos’è la notte”. Il lavoro visionario sull’affresco quattrocentesco andrà online il 18, 19 e 20 dicembre nell’ambito di Art

Sono iniziate ieri alla Galleria regionale di Palazzo Abatellis le riprese di “Che cos’è la notte”, cortometraggio ispirato al “Trionfo della morte”, l’affresco quattrocentesco esposto al museo.

Un corto visionario, scritto e diretto da Marco Savatteri e interpretato da Iaia Forte con gli attori di Casa del Musical. E Giuseppe Orsillo nella doppia vesta di attore e aiuto regia. Una produzione dell’associazione MeNo per il progetto Art, Art Rethinks Transformation, realizzato con il contributo dell’Assessorato alle Culture del Comune di Palermo e della Regione Sicilia - Assessorato Turismo, sport e spettacolo nell’ambito dei progetti a maggior rilevanza turistica.

In programma su www.associazionemeno.org il 18, 19 e 20 dicembre, il lavoro si sviluppa attorno al “Trionfo della Morte”, opera unica nel genere per composizione e ricchezza figurativa, immaginando di riportarne in vita i personaggi attraverso una trama visionaria che azzera il tempo che separa quell’affresco dalla contemporaneità, per guardare all’uomo e al mistero della vita. Savatteri si chiede: “Se invece di vedere noi l’opera, fosse l’opera a vedere noi?”. In questa totale scomposizione e deformazione della realtà, l’unico personaggio legato al presente è una donna delle pulizie, interpretata dalla grande Iaia Forte che, suo malgrado, si trova ad essere l’unica visitatrice del museo chiuso per la pandemia nell’anno 2020. Ad impersonare le figure dell’affresco, ricalcandone abiti e movenze, sono invece 12 attori della Casa del Musical.

Chi è Iaia Forte 

Classe 1963, ha mosso i primi passi nel mondo dello spettacolo studiando danza e recitando in un gruppo di teatro sperimentale. Dopo il diploma al Centro Sperimentale di Cinematografia, ha debuttato in teatro nel 1989 con "Add'a passà a nuttata" diretta da Leo De Bernardinis mentre l'anno seguente ha esordito al Cinema con "Libera" di Pappi Corsicato, aggiudicandosi anche il Nastro d'Argento come migliore attrice protagonista per "L'una e l'altra" di Maurizio Nichetti. Tra i vari film interpretati: "I buchi neri" (1995), "I Vesuviani" (1997) e "Chimera" (2001) di Corsicato, "Piccoli orrori" (1994) e "Appassionate" (1999) di Tonino De Bernardi, "Rasoi" (1993, trasposizione cinematografica dell'omonima pièce teatrale, da lei interpretata anche sul palcoscenico) e "Teatro di guerra" (1998) di Mario Martone. In teatro oltre ad aver lavorato con lo stesso Martone, ha recitato Shakespeare e Cechov diretta da Carlo Cecchi. Al suo fianco ha ridato vita alla fine degli anni Novanta al teatro Garibaldi di Palermo.

Marco Savatteri, il regista 

Classe 1984, Marco Savatteri è compositore, autore e regista teatrale. Suoi i musical “Cleopatra" (2007), insignito del Patrocinio morale dell’Ambasciata Rep. Araba d’Egitto; “Il Bosco Incantato” (2019), messo in scena lo scorso gennaio anche all’Orecchio di Dionisio nella Neapolis di Siracusa; e “Camicette Bianche” dedicato ai siciliani emigrati in America con 40 repliche all’attivo in Italia e all’estero. Tra i lavori più recenti, c’è “Al Passo coi Templi” lo spettacolo-rivelazione dell’estate 2020, presentato a Taormina lo scorso agosto e andato in tour nei siti archeologici dell’Isola, registrando sempre il tutto esaurito, fino allo scorso mese di ottobre. Docente di musical in molte scuole di teatro, nel 2012 ha fondato Casa del Musical, una scuola e una casa di produzione nel campo delle arti sceniche (recitazione, canto e danza) attorno a cui si sono ritrovati artisti siciliani e non solo. Tra le finalità di Casa del Musical, la creazione di performance originali in grado di valorizzare la bellezza e la storia dei beni culturali dell’Isola. Tra le altre si ricordano: “Lo Zar a Palermo”, evento promosso per Palermo Capitale della Cultura 2018 con Fondazione Sant’Elia e lo spettacolo itinerante “Caravaggio - la fuga”, realizzato nel dicembre 2019 a Palermo sempre con Fondazione Sant’Elia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento