Velasca, un negozio come un teatro: anche a Palermo la bottega italiana di scarpe da uomo

Lo store è stato concepito come una sorta di piccolo teatro con il palco dove andranno in scena le scarpe artigianali e un foyer dove intrattenersi tra pezzi originali della tradizione, come le maschere in cartapesta degli anni ‘50 e un vecchio burattino degli anni ’40

Adesso anche i palermitani potranno fare acquisti da Velasca, il brand che produce scarpe da uomo artigianali made in Italy. Dopo aver conquistato il nord e il centro Italia - con otto negozi tra Milano, Torino, Firenze, Bologna e Roma - e aver iniziato a espandersi nelle maggiori città europee con due negozi a Londra e Parigi, Velasca ha deciso di investire anche nel Sud Italia aprendo un punto vendita a Palermo.

Il negozio si trova al civico 26 di via Daita, nei pressi del Teatro Politeama. “Quando abbiamo iniziato a progettare la bottega di Palermo - commenta Jacopo Sebastio, Ceo e co-fondatore di Velasca - abbiamo da subito cercato di dar vita a un luogo che rispecchiasse l’identità del nostro brand, ma al tempo stesso vivesse in equilibrio con l’atmosfera di un quartiere dall’importante impronta artistica. Chi entra in via Daita ritroverà subito l’atmosfera ricercata dei nostri negozi, ma al tempo stesso particolari che sono frutto di una contaminazione con la città e il quartiere che ci ospita”. 

Tra pochi giorni, infatti, si alzerà il sipario della nuova Bottega “Teatro Velasca”. Il nome vuole essere un omaggio all’arte del teatro tanto amata dai palermitani. La bottega infatti è stata concepita come una sorta di piccolo teatro con il palco ove andranno in scena le scarpe artigianali, e la parte centrale, il foyer dove intrattenersi con i clienti anche solo per un caffè, tra pezzi originali della tradizione, come le maschere in cartapesta degli anni ‘50 e un vecchio burattino degli anni ’40.

Le botteghe non sono mai dei semplici negozi, ma dei veri luoghi di incontro, dove l’atmosfera, il design e il personale richiamano quei valori di autenticità, semplicità e dedizione per il bello che caratterizzano ogni scarpa Velasca. “Come il concetto stesso di bottega, ci si avvicina a un negozio Velasca non per uno shopping frenetico - prosegue Sebastio - ma per conoscere di persona la storia che accompagna la creazione delle nostre scarpe, che non vengono semplicemente prodotte, ma create nei laboratori artigianali di Montegranaro. Ognuna infatti, viene ideata insieme in un continuo confronto tra noi e gli artigiani delle Marche. Dal disegno alla scelta dei modelli, dall’individuazione del pellame per raggiungere la qualità che contraddistingue Velasca, fino alla tecnica di cucitura e l’applicazione della suola”.

“Il mercato del Sud Italia è molto promettente e genera ottimi numeri. Per questo abbiamo deciso di dare il via ad un piano di crescita che ci porterà ad aprire delle botteghe per regalare agli amanti dell’artigianalità e dello stile un’esperienza fisica alla scoperta delle nostre calzature, rigorosamente Made in Italy. I dati e-commerce degli ultimi mesi, infatti, ci hanno dimostrato che i palermitani, con oltre 1,000 calzature acquistate, ripongono una significativa attenzione sul nostro brand - conferma Enrico Casati, co-fondatore di Velasca -. Crediamo molto in questa città e nei suoi abitanti, da sempre legati alla bellezza e ai prodotti artigianali. Il nostro obiettivo è quello di diventare, tramite il nostro brand e i nostri prodotti, ambasciatori delle bellezze di Palermo per valorizzarle dentro e fuori i confini nazionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Annientata la Cupola di Cosa nostra: arrivano 46 condanne, inflitti oltre 4 secoli di carcere

Torna su
PalermoToday è in caricamento