Una parigina alla corte della moda palermitana, arriva Agnes Kolignan di Ferré e Givenchy

Agnes sarà accompagnata in un tour esperienziale del capoluogo siciliano che le permetterà di assorbire odori, sapori e visioni del territorio. I suoi disegni raccoglieranno le suggestioni di questa esperienza e saranno impressi su borse e t-shirt grazie alla stampante digitale per tessuti

La moda di lusso incontra l'impresa sociale e si fa sostenibile. Sartoria Sociale è pronta ad accogliere Agnes Kolignan, già designer di  Givenchy, John Galliano, Roberto Cavalli, Gianfranco Ferrè e altri celebri luxury brand. La print designer sarà a Palermo dal 30 settembre al 6 ottobre per creare una mini collezione di accessori etici prodotti dalla Sartoria Sociale, impresa tessile della cooperativa Al Revés che promuove il sapere artigianale, la moda sostenibile e l'inserimento professionale di persone svantaggiate. 

Una settimana intensiva per scoprire Palermo e lasciarsi ispirare dai luoghi simbolo della città. Oltre a lavorare con i sarti e gli utenti della Sartoria, Agnes sarà accompagnata in un tour esperienziale del capoluogo siciliano che le permetterà di assorbire odori, sapori e visioni del territorio. I suoi disegni raccoglieranno le suggestioni di questa esperienza e saranno impressi su borse e t-shirt grazie alla stampante digitale per tessuti donata alla Sartoria Sociale da Fondazione Con il Sud e UniCredit. Il progetto, che culminerà in un evento di presentazione in autunno, è coordinato da Luca Lo Sicco, professore di fashion marketing all'Università di Atlanta e da Jonathan Matthews, esperto in digital marketing. 

Ma che cosa ci fa una designer del lusso con base a Parigi in una impresa sociale di Palermo con sede in un bene confiscato alla mafia? La collaborazione nasce per dimostrare la possibilità di mettere d'accordo le istanze creative della moda di lusso con i criteri e i valori etici del terzo settore. 

Il settore tessile e dell'abbigliamento - spiega Lo Sicco - è il secondo più inquinante al mondo dopo quello petrolifero e si regge sullo sfruttamento di lavoratori sottopagati, per la maggior parte donne e minori. In un simile contesto è urgente recuperare un'idea della moda fondata sul lavoro artigianale, sul rispetto dell'ambiente e sulla valorizzazione delle relazioni umane, princìpi messi in pratica dalla Sartoria Sociale già dal 2012. Il vantaggio è per entrambe le parti: il lusso diventa più attrattivo se è sostenibile, ma anche i prodotti dell'economia circolare possono ricevere un valore aggiunto dal contributo creativo di una fashion designer affermata. 

Il 5 ottobre dalle ore 9 alle 13 Agnes Kolignan e Luca Lo Sicco terranno una masterclass dal titolo "Design thinking and Fashion Business in the era of coronavirus" presso il Cre.Zi. Plus, in Via Paolo Gili 4. La partecipazione è riservata agli studenti dell'Accademia di Belle Arti di Palermo e a coloro che operano nel fashion design e settori affini.

Chi è Agnes Kolignan

Agnes Kolignan è una designer freelance che vive tra Parigi e Lisbona specializzata nella creazione di stampe e ricami. Dopo aver studiato nella prestigiosa Central Saint Martins College of Art and Design di Londra e ricevuto diversi premi tra i quali il L'Oreal Award, ha lavorato con Alexander McQueen, John Galliano, Giles Deacon, Givenchy, Gianfranco Ferré e Marjan Pejoski.  Oggi è una designer affermata che collabora stabilmente con Givenchy, Balmain, Christophe Decarnin, Roberto Cavalli, e Sophia Kokosalaki. Agnes è anche un'artista e realizza lavori che esibisce in Gallerie d'Arte in tutta Europa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento