Giovedì, 18 Luglio 2024
Scuola

La scuola adotta la città: Lagalla consegna a una delegazione di bambini le chiavi di Palermo

Le attività in programma con "Panormus" tra giochi, performance teatrali e musicali, adozioni classiche e laboratori si svolgeranno nei giardini di dodici istituti e in ventidue siti sparsi sul territorio

Questa mattina, presso il museo Pitrè, il sindaco Roberto Lagalla ha consegnato le chiavi della città a una delegazione di bambini, bambine, ragazzi e ragazze, dando inizio come da rito alla ventisettesima edizione di "Panormus. La scuola adotta la città", la manifestazione culturale dedicata alle scuole di ogni ordine e grado, nata nella primavera del 1994.

"Panormus...in armonia con la natura" è il tema di quest’edizione che vedrà gli studenti e le studentesse di oltre ottanta istituzioni scolastiche ed educative animare gli spazi verdi della città nel corso di tre fine settimana: 6-7 maggio, 13-14 maggio, 20-21 maggio.

Le attività in programma (giochi, performance teatrali e musicali, adozioni classiche e laboratori di ogni tipo) si svolgeranno nei giardini di dodici scuole e in ventidue siti sparsi sul territorio: Villa Bonanno, Piazza Castelnuovo, Villa Tricoli, Labirinto del Monumento ai Caduti, Giardino Giusto Monaco, Piazza Indipendenza, Parco Uditore, Piazza Lolli, Giardino Rosario Di Salvo, Piazza Beato Pino Puglisi (ex piazzale Anita Garibaldi), Giardino dei Giusti, Orto Botanico, Giardino di Borgo Molara, Villa Giulia, Villa Niscemi, Giardini ornamentali della Casina Cinese, Città dei Ragazzi, Giardino delle Rose - Villa Terrasi, Casa Natura - Parco della Favorita.

Sabato 27 maggio il Teatro Massimo, da sempre un importante partner di Panormus, organizzerà la giornata conclusiva della manifestazione. Le alunne e gli alunni degli istituti a indirizzo musicale coinvolti nel progetto suoneranno e canteranno sulla scalinata di Piazza Verdi. In questa occasione, le scuole presenti riconsegneranno simbolicamente le chiavi della città al sindaco.

"Panormus - dichiara il sindaco Roberto Lagalla - afferma un'unità di intenti non solo sociale ma anche e soprattutto culturale tra il mondo della scuola, la città e il suo patrimonio artistico. Ed è per questo che questa 27esima edizione non può che essere ancora una volta salutata dal favore, dall'impegno e dal desiderio del Comune di allargare sempre di più queste forme di collaborazione" 

"Abbiamo costruito una ventisettesima edizione dedicata alle tematiche ambientali ed ecologiche - aggiunge Aristide Tamajo, assessore all’Istruzione del Comune - alla tutela degli spazi verdi della nostra città. Anche quest’anno, infatti, Panormus deve trasformarsi in un’esperienza di pedagogia urbana che sappia stimolare tra i giovani e i meno giovani la creazione di senso civico e di appartenenza alla comunità. Ringrazio tutte e tutti i dirigenti scolastici che hanno aderito al progetto, diventato ormai un punto di riferimento per il mondo della scuola palermitana e per l’intera città",

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La scuola adotta la città: Lagalla consegna a una delegazione di bambini le chiavi di Palermo
PalermoToday è in caricamento