Scuola negata ai disabili, monta la protesta: "Interrompere le lezioni"

Il comitato "Siamo handicappati no cretini" scende in campo per appoggiare lo sciopero della fame annunciato ieri dal presidente dell'Anffas e lancia un appello ai dirigenti scolastici: "Abbiate il coraggio di rischiare. Se fosse vostro figlio quello escluso cosa fareste?"

"Interrompere le lezioni finchè non ci saranno uguali diritti per tutti". A lanciare l'appello ai dirigenti scolastici di tutta l'Isola è il comitato Siamo handicappati no cretini. Anche quest'anno infatti la campanella non è suonata per gli alunni con disabilità: la scuola è iniziata da due settimane ma i servizi di assistenza igienico-personale, autonomia e comunicazione e il servizio trasporto non sono partiti. Ecco perché Antonio Costanza, presidente di Anffas Palermo e vicepresidente di Anffas Sicilia (Associazione nazionale famiglie di  persone con disabilità intellettiva e relazionale), da ieri ha deciso di inziare lo sciopero della fame con il sostegno dell'associazione, che in Italia conta oltre trentamila persone con disabilità. "Senza questi servizi gli alunni con disabilità - spiegano dall'associazione - non possono andare a scuola o la frequentano male". 

Il comitato Siamo handicappati no cretini appoggia questa iniziativa: "Quello che sta avvenendo in questo momento, come ogni anno, nelle scuole siciliane è indecente. Non abbiamo dimenticato che il ministro della disabilità Fontana aveva detto che da quest'anno le scuole non avrebbero fatto differenze tra gli alunni e che ci sarebbero state le garanzie per quelli con disabilità. Beh stiamo vedendo i risultati. Auguriamo ad Antonio Costanza che lo sciopero sia breve perché possano a brevissimo essere trovate delle soluzioni concrete e diamo a lui il massimo incoraggiamento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il comitato chiede pari diritti per tutti gli alunni. Per raggiungere lo scopo ritiene necessaria la collaborazione dei presidi: "Abbiate il coraggio di rischiare. Se fosse vostro figlio quello escluso cosa fareste?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: scatta il coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus, Musumeci gela tutti: "Prima o poi arriveremo alla chiusura totale"

  • Conte firma il nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata l'ordinanza di Musumeci

  • In strada contro il Dpcm: ai Quattro Canti scoppia la guerriglia

  • Covid, via libera dalla Regione al disegno di legge per la ripresa delle attività economiche

  • Arancine, panelle e blatte: chiusa rosticceria abusiva nel cuore di Boccadifalco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento