menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tumori ereditari femminili, in Sicilia gratis tutti gli esami per la prevenzione

Possono usufruire dell'esenzione per le prestazioni specialistiche tutte le donne sane ma potenzialmente a rischio genetico. Per ottenere l'assegnazione del codice di esenzione è necessario rivolgersi al medico di base o ai consultori

Le donne residenti in Sicilia, con una storia familiare di soggetti che hanno contratto il cancro all'ovaio o alla mammella, potranno effettuare gratuitamente tutti gli esami per prevenire i tumori ereditari femminili. E' stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Regione il decreto dell'assessore alla Salute Ruggero Razza che istituisce il codice di esenzione D99 per offrire a tutte le donne sane, ma potenzialmente a rischio genetico di tumori, prestazioni specialistiche gratuite, interamente a carico del Servizio sanitario regionale.

"Assieme al lavoro che si è fatto per aumentare prevenzione e screening obbligatori in tutta la Regione - sottolinea Razza - è un bel segnale, per il quale ringrazio chi ha lavorato con impegno".

Dopo la creazione di un apposito percorso terapeutico e assistenziale sui tumori ereditari femminili, la Sicilia è tra le poche regioni d'Italia a dotarsi di quest'ulteriore misura che rientra nelle attività di prevenzione delle neoplasie alla mammella e dell'ovaio e consente alle interessate non solo cure gratuite, ma anche esami che servono a prevenirne l'insorgenza.

Per ottenere l'assegnazione del codice di esenzione "D99" sarà necessario sottoporsi al questionario somministrato dal medico di base o dai consultori, anche su richiesta dell'interessata, in assenza di qualsiasi sintomo. Se si risulta a rischio si sarà indirizzate alla consulenza genetica e al test che segnalerà un'eventuale mutazione dei geni Brca1 e Brca2.

Le donne portatrici di mutazioni patogeniche saranno prese in carico dalle Breast Unit e dalle Unità operative di ginecologia oncologica e potranno accedere ai programmi di sorveglianza specifici per la diagnosi precoce e la prevenzione dell'insorgenza del tumore della mammella e dell'ovaio. Potranno accedere a visite senologiche e ginecologiche, ecografia, mammografia, risonanza magnetica, alla chirurgia profilattica dell'ovaio e della mammella e alla ricostruzione mammaria. "Il provvedimento - sottolineano dalla Regione - innesca un circolo virtuoso che da un lato prevede controlli mirati per la tutela della vita umana e dall'altro un abbattimento di costi a carico del servizio sanitario regionale, poichè la prevenzione ha costi ridotti rispetto alle terapie".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento