Rene policistico e prevenzione, giornata di esami gratuiti all'ospedale Civico

A promuovere l'iniziativa i medici del reparto di Nefrologia che hanno organizzato un open day in programma per il 24 gennaio, dalle 9 alle 13. Una terapia farmacologica in uso da qualche anno permette di evitare la dialisi e migliorare la qualità della vita

Il reparto di Nefrologia del Civico

Una giornata all’insegna dell’informazione e della prevenzione sul rene policistico all’ospedale Civico. L’iniziativa in programma per il prossimo 24 gennaio è stata organizzata dall’equipe medica dell’Unità operativa di Nefrologia, diretta dalla dottoressa Flavia Caputo. Dalle 9 alle 13 i medici effettueranno visite gratuite e risponderanno a tutte le domande degli utenti.

“Il rene policistico - spiega il dottore Gioacchino Li Cavoli - è la più comune malattia ereditaria presente in età adulta, coinvolge primariamente (ma non solo) i reni. Colpisce 12,5 milioni di persone di ogni etnia nel mondo e affligge il 10% dei pazienti affetti da malattia renale in stadio terminale richiedente dialisi e rappresenta un enorme costo per la sanità pubblica”.

La patologia è caratterizzata dalla formazione di cisti renali che crescono in modo graduale e costante, causando un progressivo ingrossamento dei reni. “Questo processo si associa - aggiunge il dottore - ad ipertensione arteriosa, sensazione di ingombro addominale, dolore, episodi di sanguinamento delle cisti, calcolosi renale, infezione delle cisti e più in generale a una diminuzione della qualità della vita”.

Nonostante la continua distruzione del parenchima renale la funzione renale, ricostruisce ancora lo specialista, si mantiene nei valori normali per decenni. Con il progredire del danno renale, tipicamente dopo i 40 anni, la malattia renale evolve nello stadio terminale che richiede la terapia dialitica. Il rene policistico è una malattia sistemica che colpisce altri organi con complicazioni anche gravi, come un importante ingrossamento del fegato e l’insorgere di aneurismi intracranici.

“La letteratura medica - conclude il primario - evidenzia che l’accesso a una struttura sanitaria con approccio terapeutico multidisciplinare porta a molteplici benefici per il paziente. Negli ultimi anni si sono rese disponibili nuove opportunità terapeutiche finalizzate al rallentamento dell’incremento volumetrico dei reni e della progressione dell’insufficienza renale”.

L’Unità operativa di Nefrologia dell’ospedale Civico è stata individuata dall’assessorato regionale alla Sanità quale centro di riferimento per la terapia del rene policistico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, gli spostamenti della turista bergamasca: "Ha girato per Palermo, indagini su dove è stata"

  • Coronavirus, primo caso a Palermo: turista di Bergamo è positiva

  • Rissa fuori dalla discoteca, ragazzo di 21 anni muore accoltellato a Terrasini

  • Coronavirus a Palermo, i contagiati tra i turisti bergamaschi salgono a tre

  • Coronavirus, Musumeci: "Sospensione lezioni nelle scuole di Palermo e provincia"

  • Incidente in autostrada a Tommaso Natale, morto un automobilista

Torna su
PalermoToday è in caricamento