Venerdì, 23 Luglio 2021
Salute

Terrasini, commercianti donano due defibrillatori al Comune: "Il paese è più sicuro"

L'amministrazione ne ha acquistati altri quattro. L’iniziativa rientra nel progetto “Cuore Nostro-Città cardioprotetta”, curato dalla società MG Comunication, che mira alla tutela della salute, alla prevenzione e alla sensibilizzazione dei cittadini alla cultura del primo soccorso

Da oggi il Comune di Terrasini può contare su sei defibrillatori in più. Due sono stati donati da alcuni commercianti del territorio e verranno posizionati al Chiosco della Villa a mare (per il lungomare, la Praiola e il Parco giochi) e in piazza Duomo, davanti alla Farmacia. Altri quattro sono stati acquistati dall'amministrazione e verranno dislocati in altrettante zone del paese. La consegna degli apparecchi salva vita donati è avvenuta questa mattina. 

L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto “Cuore Nostro-Città cardioprotetta”, curato dalla società MG Comunication, che mira alla tutela della salute, alla prevenzione e alla sensibilizzazione dei cittadini alla cultura del primo soccorso. "Voglio ringraziare - afferma il sindaco Giosuè Maniaci - il responsabile territoriale della società “MG Comunication” Maurizio Graffeo e i titolari delle attività produttive che hanno contribuito all'acquisto dei defribrillatori. Tutti insieme abbiamo contribuito a rendere questa città più sicura e a prevenire eventuali situazioni di emergenza".

Di seguito l'elenco completo delle attività produttive che hanno contribuito all'acquisto dei defibrillatori semiautomatici: Kim accessori, ristorante All'antica, Farmacia Lombardo, Tele Ottica Carla, Armanno Scuola Guida, Leone Autospurghi, Artigrafiche Abbate, Ristorante El Bocadito, Panificio Burgio, Farmacia Del Duomo, Milano junior abbigliamento, Trupiano bar, Vivai Garden plant, officina Di Maggio, Gioielleria Lo Piccolo.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terrasini, commercianti donano due defibrillatori al Comune: "Il paese è più sicuro"

PalermoToday è in caricamento