Polizzi Generosa aderisce all’Unione Madonie

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Il Comune di Polizzi Generosa aderisce all'Unione delle Madonie. Diventano diciotto i Comuni che fanno parte di questo Ente. Il presidente Pietro Macaluso accoglie con soddisfazione la scelta del Comune di Polizzi Generosa e sottolinea che tale volontà mette in risalto l’importanza e il valore dell’Unione delle Madonie che non è una mera aggregazione di municipalità quanto l’Unione di un territorio e di cittadini che credono nella resilienza.

"Con questa scelta – ha affermato il sindaco di Polizzi Generosa, Gandolfo Librizzi - Polizzi esce dal sovranismo locale autarchico dove era stato confinato. Isolandosi dalle dinamiche territoriali, si è fatto pagare un prezzo all’intera Comunità. Invece, lo abbiamo sempre detto: non serve isolarsi dal territorio del quale si fa parte. Con gli altri Comuni del comprensorio, Polizzi deve diventare protagonista per concorrere con la sua visione e, in una logica di condivisione e solidarietà, a sviluppare comuni strategie e iniziative progettuali. È quello che è mancato in questi anni, per quanto riguarda la propria realtà locale. Nell’Unione Polizzi vi aderisce con le sue proposte e la sua visione. Volendo svolgere un ruolo attivo, positivo e propositivo perché comuni sono gli stessi identici problemi territoriali da affrontare e perché solo se affrontati insieme si possono risolvere nell'interesse di tutta la comunità madonita".

L’Unione delle Madonie è nata dall’ex “Unione delle Petralia e dell’Imera Salso” e oggi è costituita dai comuni di Alimena, Aliminusa, Blufi, Bompietro, Caccamo, Castelbuono, Castellana Sicula, Collesano, Gangi, Geraci Siculo, Gratteri, Isnello, Montemaggiore Belsito, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Pollina e San Mauro Castelverde.

Torna su
PalermoToday è in caricamento