Ztl di notte, nella maggioranza voce dissonante di Italia Viva: "No a fughe in avanti"

I due gruppi di Sala delle Lapidi chiedono un confronto tra amministrazione attiva, Consiglio comunale, associazioni di categoria e residenti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"E' notizia di questi giorni che l’assessore comunale alla mobilità, Giusto Catania, vuole dare avvio alla sperimentazione della Ztl notturna “Esprimiamo perplessità su questo provvedimento e diciamo no a fughe in avanti dell’assessore Catania". E' quanto affermano i due gruppi consiliari Italia Viva e Sicilia Futura-Italia Viva.

“Noi sicuramente apprezziamo il lavoro svolto fino ad oggi dall’Amministrazione, ma è necessario un confronto con tutte le associazioni del tessuto produttivo ed economico della città, i residenti ed aprire un dibattito politico in Aula affinchè si possa ragionare su come limitare i disagi. Dobbiamo lavorare in sinergia per cercare di non rischiare di danneggiare il tessuto economico e produttivo del centro storico – continuano i consiglieri – Inoltre, non è attraverso l’istituzione della Ztl che si rende sicura quella parte della città, casomai è necessario aumentare le unità delle forze dell’ordine anche in quella parte di territorio".

"Infine - evidenziano i due gruppi - l'articolo 12 della legge regionale 3 del 2016 recita che sia il Consiglio comunale a varare un regolamento che disciplini la Ztl. Pertanto sarebbe auspicabile un confronto per evitare contenziosi che vedrebbero quasi certamente a rischio il Comune di Palermo". 

Torna su
PalermoToday è in caricamento