rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Politica

Il comitato Zone franche montane: "Il governo regionale mette a rischio la norma"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Il 24 dicembre la Giunta regionale ha emanato un atto di indirizzo al dipartimento regionale della Programmazione al fine di “adottare tutte le iniziative, finalizzate alla defiscalizzazione, per circa 100 milioni di euro, a sostegno delle imprese operanti nelle zone franche montane siciliane”, individuate con la delibera di Giunta del 21 settembre scorso.

"Nella giornata di ieri - dichiara Vincenzo Lapunzina, presidente dell’Associazione zone franche montane Sicilia - abbiamo appreso del contenuto della delibera, è in antitesi con la formulazione suggerita dal governo e dalla commissione Finanze e Tesoro del Senato, oltre che dalla Ragioneria Generale dello Stato e silura, sostanzialmente, l'iter parlamentare e il faticoso percorso che dura da oltre 2451 giorni.  Naturalmente ci opporremo con determinazione, anche perché non è una soluzione concertata e condivisa con il Comitato regionale per l'istituzione delle Zone franche montane in Sicilia".

"Rimaniamo sbigottiti leggere di un intento che dal 17 dicembre 2019, giorno in cui è stata approvata la legge voto, avrebbe potuto costituire oggetto di confronto con l’Ars, in primis, con le commissioni interessate al Senato e, in ultimo, ma non per ultimo, con il Comitato. Facciamo appello ai presidenti Miccichè e Musumeci, che il 13 dicembre scorso ha garantito ad alcuni sindaci di destinare 20 milioni di euro alla start up della Legge, affinché la linea dettata dall’assessore al Bilancio - Armao nell’esecutivo rappresenta Forza Italia - venga messa in discussione, nell'interesse di chi ancora resiste nelle aree ignote dell’Isola. I venti milioni di euro indicati dal presidente Musumeci sono stati appostati dal Governo Draghi nella Legge di Bilancio 2022 e sono una parte dei 100 milioni previsti per compensare gli “svantaggi strutturali derivanti dalla condizione di insularità". aggiunge Lapunzina.

Il ricorso alla "formula" dell’insularità per il finanziamento della legge ci era stato anticipato nel corso di un incontro avvenuto al MEF il 3 agosto scorso, necessario per mettere la norma al riparo della Giustizia della concorrenza, appellarsi alla terminologia piuttosto che alla sostanza è un deprecabile torto fatto alle comunità delle terre alte di Sicilia. Cento milioni di euro, o i venti auspicati dal presidente Musumeci, non sono bastevoli per la messa a regime della norma di politica economica ma risultano essere indispensabili per definire l’iter legislativo al Senato, quindi alla Camera, così come espressamente indicato in due accorati appelli inviati al presidente Musumeci dal senatore Luciano D’Alfonso, presidente della Sesta commissione di Palazzo Madama. Sul caos, volutamente generato, abbiamo solo una certezza: i nominativi degli autori", conclude Lapunzina. 

Dei dettagli di questa vicenda (carte alla mano), che sembra uscire da un copione del teatro dell'assurdo, se ne discuterà nel corso di una conferenza stampa, prevista - in presenza digitale - alle ore 11 di martedì 4 gennaio 2022.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il comitato Zone franche montane: "Il governo regionale mette a rischio la norma"

PalermoToday è in caricamento