"Avete strade che neppure nel terzo mondo...", lo sconforto del ministro Centinaio a Palermo

Il responsabile delle Politiche agricole, in città per partecipare a un'iniziativa nella sede di Sicindustria, ha criticato lo stato delle infrastrutture dell'Isola: "E' un richiamo che faccio al Governo e quindi a me stesso..."

l responsabile delle Politiche agricole Centinaio a Palermo

"Per attrarre turisti ci vogliono infrastrutture. La Sicilia l'ho girata tutta, qui ci sono strade che neppure nel terzo mondo. Ma occorrono anche interventi sulla rete ferroviaria perché quando ho preso il treno c'era da mettersi le mani nei capelli, e poi ci sono gli aeroporti e i porti siciliani che potrebbero diventare centrali per quanto riguarda i croceristi. Questo è un richiamo che faccio al Governo e, quindi, a me stesso". A dirlo è stato il ministro delle Politiche agricole e del turismo, Gian Marco Centinaio, che oggi è intervenuto al convegno "Infrastrutture e turismo per la crescita della Sicilia" nella sede palermitana di Sicindustria. 

Una dura critica, che arriva a distanza di pochi giorni da quella del collega di governo Toninelli che. nel corso di una visita icn ittà, aveva parlato di "strade da stato di guerra"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

ministro centinaio a palermo2-2Parlando dell'Isola e della sua economia, Centinaio ha sottolineato che "la Sicilia dovrebbe puntare sulla diversificazione, sulla  destagionalizzazione che le permetterebbe di vivere di turismo undici mesi all'anno. L'Isola ha delle potenzialità inespresse: il mare, la montagna, l'enogastronomia, la cultura e la storia. E' necessario fare sistema, spendere bene i fondi europei che ci sono e le opportunità che sono in campo". Per l'esponente del governo giallo verde "ci sono tante opportunità che in questo momento la Sicilia non sta cogliendo, perdendo un treno che non passa tutti gli anni". La colpa? "Non è dei siciliani, ma di tutti noi che non facciamo sistema, che non ci promuoviamo nel migliore dei modi e non abbiamo avuto la lungimiranza di capire che altri Stati si sono attrezzati meglio di noi e stanno dando ai turistiquelle risposte che noi non riusciamo a dare. La Sicilia - ha concluso il ministro- è al centro del Mediterraneo, potrebbe diventare l'hub di tutti i croceristi, invece l'hub è la Spagna".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: scatta il coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus, Musumeci gela tutti: "Prima o poi arriveremo alla chiusura totale"

  • Conte firma il nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata l'ordinanza di Musumeci

  • In strada contro il Dpcm: ai Quattro Canti scoppia la guerriglia

  • Covid, via libera dalla Regione al disegno di legge per la ripresa delle attività economiche

  • Arancine, panelle e blatte: chiusa rosticceria abusiva nel cuore di Boccadifalco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento