Politica

Orlando incontra amministratore Ferrovie: "Servono interventi strutturali"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Oggi presso la sede Anci nazionale, il sindaco Leoluca Orlando ha incontrato con altri sindaci di città metropolitane il nuovo ad di Ferrovie, Renato Mazzoncini. Nel corso dell'incontro, il sindaco e presidente di Anci Sicilia, ha rilevato lo storico
disimpegno di Ferrovie in Sicilia, che paradossalmente ha registrato ancora timidi segnali di cambiamento per l'emergenza del crollo del viadotto Imera. “Tale cambiamento – ha sottolineato Orlando - deve uscire da logiche emergenziali e dare spazio a interventi strutturali che facciano uscire la Sicilia dalla condizione di fanalino di coda dei servizi ferroviari in Europa, realizzando il collegamento ferroviario veloce tra Sicilia occidentale e Sicilia orientale”

Il sindaco, ha anche illustrato come Palermo sul versante della mobilità sostenibile “appare un punto di riferimento nel panorama nazionale ma anche un'isola nell'Isola, per la mobilità sostenibile, ormai nota e apprezzata che fa leva su Amat, azienda interamente pubblica, che gestisce gommato, 4 linee di tram, car sharing, bike sharing, Ztl, parcheggi, con previsione di ingresso in capitale sociale di Amat di comuni confinanti alla città di Palermo, in prospettiva metropolitana”. Il sindaco ha altresì fatto riferimento ad altre 3 linee di tram per le quali si fa riferimento a previsioni già concordate di risorse  in
masterplan mezzogiorno con Palazzo Chigi e in fondo trasporti presso ministero delle Infrastrutture.

“In questo quadro – ha detto Orlando - è necessario superare l'impasse del passante ferroviario, che vede il sistema Ferrovie come stazione appaltante e che porta l'eliminazione di tutti i passaggi a livello con ben 17 stazioni all'interno della cinta  urbana. L'amministrazione comunale ha dato e darà tutta la propria disponibilità per realizzare una metropolitana urbana ferroviaria con ben 17 stazioni urbane”.

Il sindaco ha anche sollecitato l'accordo sul biglietto unico in una realtà dove Amat e Ferrovie sono realtà ormai consolidate di strutture e servizi di mobilità sostenibile che devono procedere di intesa, richiamando anche l'attenzione del nuovo Ad Ferrovie, Roberto Mazzoncini per la disponibilità delle Ferrovie di mettere a servizio di vivibilità e rigenerazione urbana le aree di sua proprietà e sulla esigenza di interventi di decoro e funzionalizzazione della Stazione Centrale”. “Il tema più scottante e di attualità – ha rilevato il sindaco di Palermo - è costituito dai lavori dell'anello ferroviario da parte di Technis dove Rfi e Italferr - stazione appaltante - devono dare certezze alla città e in particolare a commercianti e residenti di via Emerico Amari, Politeama, Viale Lazio che non devono continuare a subire disagi per lavori che sono in atto sospesi”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orlando incontra amministratore Ferrovie: "Servono interventi strutturali"

PalermoToday è in caricamento