Termini Imerese senza sindaco, M5S: "Serve commissario di alto profilo"

Dopo le dimissioni di Francesco Giunta, coinvolto in un'indagine della Procura, il deputato regionale pentastellato Luigi Sunseri ha scritto una lettera all’assessore delle Autonomie Bernadette Grasso

L'ex sindaco Francesco Giunta

“Gentile assessore Grasso, mi permetto cortesemente di chiederle massima attenzione nella scelta del dommissario che nominerà nei prossimi giorni. Le chiedo di individuare un soggetto che garantisca una costante e attiva presenza sul territorio e che possa accompagnare questa città alle prossime elezioni, rappresentandola degnamente ai tavoli che la vedranno coinvolta. Io e il mio gruppo parlamentare assicuriamo il massimo sostegno e la più ampia collaborazione”. E' quanto si legge nella lettera inviata dal deputato regionale M5S Luigi Sunseri all’assessore delle Autonomie e Funzione pubblica, Bernadette Grasso, in vista della nomina del commissario al Comune di Termini Imerese, che dovrà succedere al sindaco dimissionario Giunta, coinvolto in un'indagine della Procura di Termini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Termini, dopo l'avviso di garanzia il sindaco Giunta si dimette: “Troppi veleni, lascio“

“Sono certo – scrive Sunseri – che comprenderà pienamente la personale preoccupazione per il presente e per il futuro della mia città e del territorio tutto, che si troverà a dover affrontare questioni di importanza cruciale. Termini Imerese, infatti, nell’ultimo decennio, è stata travolta da una fortissima crisi economica e occupazionale dovuta, in gran parte, alla chiusura dello stabilimento Fiat e dell’indotto ad esso connesso. Questa crisi economico-industriale che ha investito il territorio ha portato con sé conseguenze devastanti: da anni, ormai, centinaia di persone si trovano in cassa integrazione, in attesa che avvenga quel rilancio industriale ed economico di cui tanto si è parlato ma del quale non vi è, ad oggi, alcuna traccia. Oltre a tutto ciò - prosegue - si aggiunga uno stato economico dell’ente locale incerto. Ad oggi non risultano approvati i bilanci 2016 2017 e 2018. Questo potrebbe creare parecchi e gravi problemi alla macchina amministrativa e a quei dipendenti precari che hanno la necessità di veder avviare il processo di stabilizzazione entro la fine dell’anno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: scatta il coprifuoco dalle 23

  • Ordinanza di Orlando, divieti non solo in centro: "Ecco le strade dove non ci si potrà fermare"

  • Conte firma il nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata l'ordinanza di Musumeci

  • Regione, nuova stretta anti Covid: locali chiusi alle 23, dad nei licei e trasporti dimezzati

  • Piazza di Mondello, chiuso ristorante: "Bagno senza sapone e lavoratori in nero"

  • Le mosse anti Covid di Orlando: nessun coprifuoco ma divieto di sostare in strada

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento