Mercoledì, 28 Luglio 2021
Politica

Precari Asu, una norma ad hoc per le stabilizzazioni? "Solleciteremo il parlamento nazionale"

Così l’assessore al Lavoro Antonio Scavone dopo che il Consiglio dei ministri ha impugnato la norma inserita in finanziaria. "Dal governo Musumeci l’impegno ad andare avanti nella maniera più veloce possibile". Il sindacato Cobas-Codir: "Sfida Stato-Regione e a pagare il conto sono i lavoratori"

Una manifestazione dei lavoratori Asu (foto archivio)

Si fa strada anche l’ipotesi di una norma ad hoc da chiedere al parlamento nazionale per stabilizzare i 4.500 lavoratori Asu siciliani. Il governo regionale aveva provato a inserirli nei ranghi dell’amministrazione con l’articolo 36 della finanziaria: il Consiglio dei ministri però l'ha impugnato aprendo un vero e proprio caso. 

Ieri, nel corso di un vertice alla Regione, l’assessore al Lavoro Antonio Scavone e l'assessore all’Economia Gaetano Armao hanno riunito il tavolo di consultazione permanente sulle problematiche relative al personale impiegato in attività socialmente utili. All’incontro hanno partecipato anche le organizzazioni sindacali e i rappresentanti dell'Anci.

"Il governo Musumeci - ha detto Scavone - ha comunque manifestato l’impegno ad andare avanti nella maniera più veloce possibile. Se sarà necessario e se sarà la strada più immediata chiederemo al parlamento nazionale l’approvazione di una norma ad hoc così da superare le motivazioni dell’impugnativa che parlano di 'sconfinamento' delle prerogative della Regione nell’approvazione della norma".

"Dobbiamo dirlo con crudezza, che tra lo Stato e la Regione è in atto una sfida, che dura da qualche anno a questa parte e che purtroppo continua nel tempo con le conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti e a pagarne il conto sono sempre e soltanto i siciliani", ha commentato il sindacato  Cobas-Codir.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Precari Asu, una norma ad hoc per le stabilizzazioni? "Solleciteremo il parlamento nazionale"

PalermoToday è in caricamento