Spallitta (Verdi): "La Sicilia brucia ed è piena di problemi e il presidente Musumeci ci distrae con i migranti"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Mentre la Sicilia è in fiamme e bruciano vaste parti del nostro territorio, con grossi danni alla flora e alla fauna, in assenza di reali forme di tutela e controllo del territorio, il Governo siciliano distrae l'attenzione da altri reali problemi, adottando provvedimenti, già dichiarati illegittimi, che riguardano i migranti.

La mancanza di trasporti ed infrastrutture (si veda la Palermo-Agrigento con lavori fermi da oltre 5 anni e relativi disagi e danni anche economici), il problema della disoccupazione e della povertà, la tutela dell'ambiente, l'emigrazione dei giovani e non solo, i fenomeni corruttivi all'interno della Pubblica Amministrazione, la gestione dei rifiuti e delle discariche, l'incapacità di utilizzare proficuamente i fondi europei, la mancanza di investimenti nei settori dell'istruzione, della cultura e della ricerca e poi gli incendi, anche di natura dolosa, che stanno devastando la nostra Regione, sono alcuni esempi dei tanti problemi che da decenni questo Governo e i precedenti non sono stati capaci di affrontare e risolvere.

Quella dei migranti, in relazione ai quali vanno garantiti i diritti umani e fondamentali, è una questione  complessa che non può essere affrontata con  ordinanze provvisorie ed  unilaterali ma necessita invece di una programmazione e di un'azione  strategica anche di tipo diplomatico che coinvolga lo Stato e l'Unione Europea.
 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento