Sistema Montante, pm presenta lista dei testimoni: 84 in tutto, ci sono 7 pentiti

Va avanti il processo nei confronti di sedici imputati accusati di avere fatto parte del sistema che vedeva a capo l'ex presidente degli industriali siciliani

Antonello Montante

C'è anche un assessore regionale e un ex ministro. Ma oltre a diversi politici, figurano pure giornalisti, magistrati, poliziotti, imprenditori. E perfino collaboratori di giustizia. Sono complessivamente 84 i testi citati dalla Procura di Caltanissetta nell'ambito del processo nei confronti di sedici imputati accusati di avere fatto parte del cosiddetto 'sistema Montante', che vedeva a capo l'ex presidente degli industriali siciliani. L'accusa, rappresentata in aula dal pm Maurizio Bonaccorso, ha citato, tra i testi, sette collaboratori giustizia.

Si tratta dei pentiti Antonino Giuffrè, Salvatore Ferraro, Aldo Riggi, Pietro Riggio, Salvatore Dario Di Francesco, Ciro Vara e Carmelo Barbieri. Che, come chiede l'accusa, dovranno riferire "sulla conoscenza dei rapporti  intercorsi tra gli imprenditori Antonello Montante e Massimo Romano  con appartenenti all'organizzazione criminale Cosa nostra".

Sotto processo ci sono il colonnello dei carabinieri Giuseppe D'Agata; il sindacalista Maurizio Bernava; gli imprenditori del settore sicurezza Andrea e Salvatore Calì; tre dipendenti di Montante: Rosetta Cangialosi, Carmela Giardina e Vincenzo Mistretta; il sottufficiale della polizia di Stato Salvatore Graceffa; il dirigente nazionale di  Confindustria Carlo La Rotonda; il maggiore della guardia di finanza  Ettore Orfanello; il luogotenente Mario Sanfilippo e il colonnello dei carabinieri Letterio Romeo, quest'ultimo accusato di aver distrutto una relazione di servizio su Montante.

La loro posizione è stata unificata a quella degli imputati che avevano chiesto il giudizio  immediato, saltando così l'udienza preliminare: l'ex presidente del  Senato Renato Schifani, il tributarista Angelo Cuva, l'ex direttore  dell'Aisi Arturo Esposito e l'imprenditore Massimo Romano.

I difensori si sono opposti alla citazione dei collaboratori di  giustizia perché "non attinenti" a loro parere. L'avvocato Giuseppe Panepinto, legale di Antonello Montante, ha annunciato che se il  Tribunale, guidato da Francesco D'Arrigo dovesse ammettere i collaboratori di giustizia, a sua volta chiederà al Tribunale la citazione di Vincenzo Arnone, testimone di nozze di Montante, ritenuto vicino a Cosa nostra.

L'accusa ha anche citato, tra i testi, la dirigente della squadra mobile di Caltanissetta Marzia Giustolisi, oltre a diversi altri funzionari di polizia, della guardia di finanza, che hanno partecipato alle indagini preliminari, ma anche il colonnello Fabrizio Cappelletti, il dirigente della Mobile di Palermo Rodolfo Ruperti e l'ex questore di Caltanissetta Bruno Megale. E ancora: Alfonso Cicero, che è anche parte offesa e parte civile, oltre agli imprenditori Marco Venturi e Pietro Di Vincenzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul banco dei testimoni, la Procura ha chiamato a deporre anche il vicepresidente della Regione siciliana Gaetano Armao e l'ex ministro 
Gianpiero D'Alia, oltre al giornalista Gianpiero Casagni. Il giudice D'Arrigo si è riservato di decidere sulle richieste di accusa e difesa e ha rinviato l'udienza al prossimo 29 aprile.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ordinanza di Orlando, divieti non solo in centro: "Ecco le strade dove non ci si potrà fermare"

  • Regione, nuova stretta anti Covid: locali chiusi alle 23, dad nei licei e trasporti dimezzati

  • Le mosse anti Covid di Orlando: nessun coprifuoco ma divieto di sostare in strada

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Incidente a Boccadifalco, schianto tra 2 auto: tre feriti, uno è grave

  • Ditta privata danneggia conduttura, mezza città senz'acqua

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento