menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Antonello Montante

Antonello Montante

Sistema Montante, pm presenta lista dei testimoni: 84 in tutto, ci sono 7 pentiti

Va avanti il processo nei confronti di sedici imputati accusati di avere fatto parte del sistema che vedeva a capo l'ex presidente degli industriali siciliani

C'è anche un assessore regionale e un ex ministro. Ma oltre a diversi politici, figurano pure giornalisti, magistrati, poliziotti, imprenditori. E perfino collaboratori di giustizia. Sono complessivamente 84 i testi citati dalla Procura di Caltanissetta nell'ambito del processo nei confronti di sedici imputati accusati di avere fatto parte del cosiddetto 'sistema Montante', che vedeva a capo l'ex presidente degli industriali siciliani. L'accusa, rappresentata in aula dal pm Maurizio Bonaccorso, ha citato, tra i testi, sette collaboratori giustizia.

Si tratta dei pentiti Antonino Giuffrè, Salvatore Ferraro, Aldo Riggi, Pietro Riggio, Salvatore Dario Di Francesco, Ciro Vara e Carmelo Barbieri. Che, come chiede l'accusa, dovranno riferire "sulla conoscenza dei rapporti  intercorsi tra gli imprenditori Antonello Montante e Massimo Romano  con appartenenti all'organizzazione criminale Cosa nostra".

Sotto processo ci sono il colonnello dei carabinieri Giuseppe D'Agata; il sindacalista Maurizio Bernava; gli imprenditori del settore sicurezza Andrea e Salvatore Calì; tre dipendenti di Montante: Rosetta Cangialosi, Carmela Giardina e Vincenzo Mistretta; il sottufficiale della polizia di Stato Salvatore Graceffa; il dirigente nazionale di  Confindustria Carlo La Rotonda; il maggiore della guardia di finanza  Ettore Orfanello; il luogotenente Mario Sanfilippo e il colonnello dei carabinieri Letterio Romeo, quest'ultimo accusato di aver distrutto una relazione di servizio su Montante.

La loro posizione è stata unificata a quella degli imputati che avevano chiesto il giudizio  immediato, saltando così l'udienza preliminare: l'ex presidente del  Senato Renato Schifani, il tributarista Angelo Cuva, l'ex direttore  dell'Aisi Arturo Esposito e l'imprenditore Massimo Romano.

I difensori si sono opposti alla citazione dei collaboratori di  giustizia perché "non attinenti" a loro parere. L'avvocato Giuseppe Panepinto, legale di Antonello Montante, ha annunciato che se il  Tribunale, guidato da Francesco D'Arrigo dovesse ammettere i collaboratori di giustizia, a sua volta chiederà al Tribunale la citazione di Vincenzo Arnone, testimone di nozze di Montante, ritenuto vicino a Cosa nostra.

L'accusa ha anche citato, tra i testi, la dirigente della squadra mobile di Caltanissetta Marzia Giustolisi, oltre a diversi altri funzionari di polizia, della guardia di finanza, che hanno partecipato alle indagini preliminari, ma anche il colonnello Fabrizio Cappelletti, il dirigente della Mobile di Palermo Rodolfo Ruperti e l'ex questore di Caltanissetta Bruno Megale. E ancora: Alfonso Cicero, che è anche parte offesa e parte civile, oltre agli imprenditori Marco Venturi e Pietro Di Vincenzo.

Sul banco dei testimoni, la Procura ha chiamato a deporre anche il vicepresidente della Regione siciliana Gaetano Armao e l'ex ministro 
Gianpiero D'Alia, oltre al giornalista Gianpiero Casagni. Il giudice D'Arrigo si è riservato di decidere sulle richieste di accusa e difesa e ha rinviato l'udienza al prossimo 29 aprile.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Costume e Società

Festival di Sanremo: il testo della canzone "Amare" de La Rappresentante di Lista

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento