Migranti, Anello (Lega): "No allo sbarco in città dei clandestini della Sea Watch"

Il commissario provinciale della Lega Palermo al fianco di Matteo Salvini: "Il governo con in testa Conte e Lamorgese è responsabile di avere innescato nuovamente il business dei trafficanti di uomini"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Sostegno pieno a Matteo Salvini per denunciare l'intero Governo per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina se i migranti in rotta verso Palermo a bordo nella nave ong Sea Watch 4 metteranno piede sul suolo italiano". Lo dichiara Alessandro Anello, commissario provinciale della Lega Palermo.

"E' un governo, quello con in testa Conte e Lamorgese - aggiunge Anello - responsabile di avere innescato nuovamente il business dei trafficanti di uomini. La Sicilia sta pagando il prezzo più alto, trasformata di fatto nel campo profughi d'Europa. Adesso ci mancavano solo quegli invasati dell'accoglienza amici della speronatrice Carola Rackete, che con un nuovo equipaggio stanno trasportando 353 immigrati clandestini potenzialmente pericolosi per la sicurezza sanitaria pubblica come contagio da coronavirus. Al loro arrivo a Palermo - conclude Anello - magari ci sarà anche il 'prego accomodatevi' del sindaco pro-migranti Leoluca Orlando, fresco di sfiducia ma ancora non del tutto neutralizzato, che è stato tra i testimonial del varo di questo barcone talebano costato ben 1,3 milioni di euro".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento