L'annuncio di Salvini: "Darò ai palermitani tre ville confiscate, Orlando non ci metta gli immigrati"

Si tratta di strutture strappate alle famiglie mafiose dell'Arenella e dell'Acquasanta. Il vicepremier sul sindaco di Palermo: "E' uno dei fenomeni che si occupa di 'insicurezza' e vuole più immigrazione"

Matteo Salvini

"Ho qui sulla mia scrivania le foto delle prossime tre  ville confiscate alla mafia che avrò la gioia di riassegnare ai  cittadini di Palermo, sperando che il sindaco non ci piazzi dentro immigrati". Parole e musica di Matteo Salvini, che ieri pomeriggio nel corso di in una diretta Facebook ha parlato della destinazione di queste strutture.

"In una di queste ville, in via Vergine Maria per l'esattezza, troveranno accoglienza per finalità sociali dei bimbi e dei ragazzi autistici. Si tratta di ville confiscate alla famiglia mafiosa Arenella-Acquasanta", aggiunge. Quindi continua "io sono qui nel giorno della Befana, non so dove siano i sindaci e i governatori ribelli". 

La replica di Orlando: "Salvini? Oltre gli annunci niente..."

Già nei giorni scorsi Salvini aveva annunciato che sarebbe andato di persona a Palermo per la consegna degli immobili, non rinunciando all'attualissima polemica con Orlando sulla questione del decreto sicurezza. "Sarò presto a Palermo - ha assicurato - per consegnare ai cittadini una villa vista mare confiscata a un mafioso. Spero che nel frattempo il sindaco Orlando trovi il tempo di occuparsi dei tanti problemi della sua città, invece di disobbedire alle leggi sull'immigrazione approvate dal Parlamento''

E nel corso della diretta Facebook Salvini ha poi aggiunto: "Il sindaco di Palermo è uno dei fenomeni che si occupa di 'insicurezza' e vuole più immigrazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento