menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ars, salta la censura a Russo, Cracolici sicuro: “Era un’imboscata”

In avvio di seduta Musotto (Mpa) solleva una questione procedurale, l'opposizione abbandona l'aula e la pregiudiziale viene approvata. Leontini (Pdl): "Uno dei momenti più squallidi"

Al termine di un caldo quanto lunghissimo pomeriggio, è saltata la mozione di censura nei confronti dell’assessore alla sanità, Massimo Russo. Prima della seduta, il Pd si è mostrato compatto, annunciando il proprio sostegno al Governo e dicendo che avrebbe votato contro la censura. In avvio di seduta, il capogruppo dell’Mpa, Francesco Musotto, ha sollevato una questione procedurale, chiedendo di non discutere la mozione. Dopo una sospensione di oltre un’ora, per decidere sull’interpretazione di un articolo del regolamento, l’apposita Commissione ha dato ragione alla maggioranza, accogliendone la richiesta. Al momento di votare la pregiudiziale, Pdl, Pid e Forza del Sud hanno abbandonato l’aula con conseguente approvazione di quest’ultima. Alla fine dunque, niente mozione di censura.

Durissima la reazione del capogruppo del Pdl, Leontini: “L’episodio di oggi rappresenta uno dei momenti più squallidi dell’Ars. Ed è una delle più significative offese e mortificazioni dei diritti del parlamento di portare avanti un dibattito senza infingimenti su un settore così importanti. Non ci sarebbe stato niente di vergognoso a portare avanti un dibattito che facesse confrontare le diverse opinioni”, annunciando anche la conclusione di ogni forma di collaborazione con il Governo e la maggioranza e un ostruzionismo ad oltranza.


“A questo centrodestra – ha detto il presidente del Pd all’Ars, Antonello Cracolici - non importava nulla della sanità e della salute dei siciliani, l’unico obiettivo era colpire l’assessore Massimo Russo e con lui il governo regionale, sperando di far leva su qualche “maldipancia” da poter fare emergere con il voto segreto. Di fronte a questa ‘imboscata’ ci siamo opposti con uno strumento previsto dal regolamento parlamentare. Ci sono ancora molte cose da sistemare – ha concluso Cracolici - e ci sono ancora servizi da migliorare, ma è innegabile che l’assessore Russo abbia avviato un nuovo corso che sta dando i suoi frutti, ad iniziare dal risanamento finanziario”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento