Politica

Rivoluzione al Comune: cambiano deleghe alle partecipate e uffici

L'Amat passa fra le competenze dell'assessore per la Mobilità Giuffrè, la Sispi all'assessore all'Innovazione Barbera. Di Amg e Amap si occuperà il titolare della delega ai Lavori pubblici Bazzi. Gesip e Amia restano al vicesindaco Lapiana

Riorganizzare alcuni settori comunali per "superare alcune delle criticità che sono emerse in questi mesi di lavoro della nuova Amministrazione". Lo hanno annunciato in conferenza stampa il Sindaco, la Giunta e il presidente del Consiglio comunale.

PALAZZO DELLE AQUILE. La gestione di Palazzo delle Aquile sarà affidata congiuntamente all'Ufficio di Gabinetto del Sindaco e allo staff della Presidenza Comunale. "Non si tratta solo di una decisione simbolica, volta a riaffermare la cooperazione e la collaborazione fra i due principali organismi amministrativi della città", ha affermato il sindaco Orlando, aggiungendo che "la frammentazione delle competenze nella gestione della Casa Comunale è simbolo di una frammentazione e disorganizzazione della macchina amministrativa".

PARTECIPATE. Sul piano Amministrativo, il Sindaco ha informato di una imminente riorganizzazione delle deleghe assessoriali, in particolare di quelle legate alla gestione delle aziende partecipate, le cui competenze, oggi detenute interamente dal vicesindaco Cesare Lapiana, saranno ripartite tra i componenti della giunta:  l'Amat sarà fra le competenze dell'assessore per la mobilità Tullio Giuffrè, la Sispi sarà tra quelle dell'Assessore all'Innovazione Giuseppe Barbera, l'Amg e l'Amap rientreranno fra le competenze dell'assessore alle manutenzioni e ai lavori pubblici Agata Bazzi. Gesip e Amia, vista la loro attuale situazione "in progress" legata alle note e specifiche vicende che riguardano le due aziende, resteranno invece ancora sotto la competenza del vicesindaco. "Nei primi mesi dell'Amministrazione - ha spiegato Orlando - abbiamo scelto di accentrare nelle competenze di un solo Assessore il rapporto con le partecipate perché era necessario fare chiarezza sulla loro situazione, mettere ordine nei loro conti e ricondurle ad un unico indirizzo operativo e di qualità. Oggi quel percorso è avviato ed è quindi opportuno che siano gli Assessori competenti per temi specifici ad occuparsi delle specifiche aziende".

BILANCIO. Profonda riorganizzazione anche del Settore del Bilancio e della Ragioneria con la creazione di un’apposita area, che sarà alla diretta dipendenza del Sindaco che ha come obiettivo le politiche di sviluppo dei fondi strutturali. Una sorta di “Surei” - Sportello Unico Risorse Europee Internazionali - che sarà affidato ad un capo area e che avrà la missione di reperire risorse europee e internazionali. Questa struttura sarà anche di riferimento per quel che riguarda i fondi Fas e tutti quei fondi che sono extra comunali.

PERSONALE. Rispondendo alle domande dei giornalisti, il Sindaco ha affermato che "i vertici amministrativi e le persone che dovranno occuparsi di specifiche aree saranno scelte in modo funzionale a questa nuova struttura e non viceversa, per cui non è previsto al momento che ci siano rotazioni che sarebbero del tutto slegate dalla struttura e dal suo funzionamento. Resta ovviamente fermo il fatto che qualsiasi dirigente è a servizio dell'Amministrazione e dei cittadini e in tal senso può essere posto lì dove si incontrano le professionalità e le esigenze di riorganizzazione". Stesso principio si è scelto di adottare per individuare il numero delle Posizioni Organizzative, che "è stato deciso sulla base di due principi: il mantenimento della spesa entro i limiti attuali e la distribuzione delle posizioni in modo funzionale all'efficienza e all'efficacia del lavoro degli Uffici".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rivoluzione al Comune: cambiano deleghe alle partecipate e uffici

PalermoToday è in caricamento