Politica

Comune, ennesima seduta a vuoto Slitta l’approvazione del consuntivo

Seduta rinviata per la pregiudiziale posta da Russo (Mpa). Secondo la Corte dei conti aumentano i debiti fuori bilancio. Utilizzo di personale esterno per il censimento, c'è chi parla di "becero clientelismo"

Consiglieri durante la seduta

A vuoto l'approvazione del bilancio consuntivo 2009/10. La seduta viene rinviata per la pregiudiziale posta dal consigliere Girolamo Russo (Mpa) che invoca la presenza del ragioniere generale. La maggioranza fugge così da una votazione che avrebbe potuto mettere in difficoltà l'amministrazione Cammarata.

La seduta comincia con il giuramento di Paolo Caracausi, consigliere del Pid che sostituirà fino a fine mandato il neo assessore Giovanni di Trapani, adesso seduto nella poltrona che fu del vice sindaco Marianna Caronia. Dopo altri brevi interventi, la parola passa all'assessore al bilancio, Giuseppe Genco: “L'amministrazione chiude con un avanzo di 49 milioni di euro”. Poi interviene Antonino Maraventano, presidente del Collegio dei revisori, che comunica il parere favorevole sul bilancio sotto il profilo economico. Pronte le rettifiche per assorbire le differenze con atti amministrativi. In aumento, però, i debiti fuori bilancio, per i quali la Corte dei Conti chiede aggiornamenti dall'aula consiliare per individuare le responsabilità.

Tre le criticità sollevate l’importo eccessivo dei debiti fuori bilancio, l’incremento della spesa personale e le perdite delle società partecipate dall'ente (in particolare Amia e Gesip). Sulle spese per servizi a domanda individuale o diretta, va aperta una parentesi che riguarda il censimento della popolazione per l'anno 2011. Il Comune di Palermo avrebbe pubblicato un bando per l'utilizzo di personale esterno con il ruolo di rilevatore. Anche se si potrebbe utilizzare il personale dipendente del Comune, dando loro degli extra. E proprio su quest’argomento c’è stata un’interrogazione del consigliere Mattaliano. Qualcuno in aula ha parlato di “clientelismo becero”, dato che l'eventuale impiego di rilevatori esterni si protrarrebbe, casualmente, fino alle prossime elezioni comunali. L'altro punto caldo riguarda l’operato dei dirigenti delle aziende partecipate con relativi debiti. Il consigliere Salvatore Orlando chiede all'aula: “I dirigenti devono essere diligenti. Di fronte a scelte errate vanno sanzionati. Se non è successo fino ad ora, quando mai prenderanno una nota di demerito?”.vincenzo tanania

L'opposizione chiede in aula come sia possibile approvare il bilancio quando la Corte dei Conti ha rilevato criticità non da poco. Dopo un’ora e mezzo, il consigliere Russo, invoca la pregiudiziale. Il consigliere del Pd Vincenzo Tanania (nella foto a destra) chiama al massimo senso di responsabilità da parte dell'aula e dichiara: “Questo è il classico escamotage per sottrarsi all'evidenza dei fatti. Diffido i consiglieri dal fuggire da questa seduta, che nessuno affibbi le proprie responsabilità ad altri". Il consigliere Bonfanti, però, dice di rilevare delle inesattezze da parte della Corte dei conti: "Questa relazione è un falso. Non parlo di dolo, ma ci sono crediti che vengono conteggiati come debiti. Deve essere rettificato tutto". La pregiudiziale passa per 3 voti. Da sottolineare la spaccatura dell'IdV: 2 voti a favore e 2 contro. Tutto rinviato alla prossima seduta.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune, ennesima seduta a vuoto Slitta l’approvazione del consuntivo

PalermoToday è in caricamento