Riforma della polizia municipale, Figuccia: "Azione strategica"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"La riforma varata dal governo in tema di polizia locale, mi prefigge l'obbligo istituzionale di convocare già nelle prossime settimane, tutte le associazioni sindacali impegnate nel garantire i diritti degli agenti della polizia che operano su tutto il territorio regionale, i comandanti dislocati nelle varie province, e alcuni esperti del settore". A dirlo è Vincenzo Figuccia deputato dell'Udc all'Ars e leader del Movimento Cambiamo la Sicilia che prosegue: "è certamente una riforma strategica che lubrifica per molti aspetti il funzionamento amministrativo e burocratico, il riavvio di un programma strutturato di formazione, qualificazione e aggiornamento professionale degli agenti, l’introduzione di un sistema permanente di reclutamento attraverso un corso-concorso unico a livello regionale e la definizione di modelli operativi e organizzativi uniformi finalizzati all’esercizio omogeneo delle funzioni su tutto il territorio regionale; la norma prevede non ultima, la promozione e il rafforzamento del sistema di gestione associata tra Comuni dei servizi di polizia locale, anche in ambito ambientale, edilizio e urbanistico. Attendiamo - conclude Figuccia - che il testo arrivi all'esame della commissione di merito e dell'Assemblea per apportare tutte le modifiche che dovessero risultare necessarie dal confronto tra tutti gli attori per garantire una maggiore incisività nel riodino della materia". 

"Apprendiamo con soddisfazione l'arrivo della riforma del governo Musumeci - interviene Daniele Galici, dirigente sindacale. Ci attestiamo - sin d'ora su posizioni compartecipative e volte ad offrire i livelli più alti di sicurezza e ordine pubbblico. Quanto all'indennità di pubblica sicurezza - precisa Galici - chiederemo di avere ogni mese le spettanze nella busta paga di ciascun lavoratore e che sia d'obbligo ai comuni il pagamento di detta indennità"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento