Ecoambiente dal primo giugno lascia Bellolampo: tutti i servizi passano alla Rap

Il Comune di Palermo, con la sua partecipata, ha chiesto e ottenuto di subentrare alla società privata che gestisce i rifiuti dei comuni della provincia. Orlando: "Una scelta strategica per la città"

Dal primo giugno la Ecoambiente non tratterà più i rifiuti dei comuni della provincia a Bellolampo. Il Comune di Palermo, con la sua partecipata Rap, ha chiesto e ottenuto di subentare alla società privata. "Grazie alla collaborazione tra Srr, Città metropolitana e assessorato regionale all’Energia - commentano dalla Rap - e dopo numerose riunioni a cui hanno partecipato l’assessore all’Ambiente Giusto Catania e l’amministratore unico di Rap, Giuseppe Norata, la vicenda si è sbloccata positivamente".

L'azienda assicura che, nella fase di passaggio da Ecoambiente a Rap, non ci sarà alcuna emergenza rifiuti in provincia. Per i primi tre mesi circa 100 tonnellate di rifiuti al giorno provenienti dai Comuni del Palermitano saranno trattati nell'impianto di Tmb di Bellolampo. Dopo questo breve periodo di transizione, determinato dai tempi di gara per l’acquisizione di un impianto mobile e dalle procedure di fuoriuscita di Ecoambiente, Rap tornerà ad essere l’unico soggetto che opererà nella discarica. "L'azienda - dichiara l'amministratore unico di Rap Giuseppe Norata - dimostra sempre più di prepararsi a diventare in futuro il gestore del ciclo dei rifiuti in tutta la provincia di Palermo, smentendo definitivamente tutti i profeti di sventura”. "Una scelta strategica per la città – affermano il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore all’Ambiente Giusto Catania – attraverso la quale si continua a ribadire la volontà di salvaguardare il carattere pubblico dell’intero ciclo dei rifiuti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Annientata la Cupola di Cosa nostra: arrivano 46 condanne, inflitti oltre 4 secoli di carcere

  • Ficarra e Picone dicono addio a Striscia la Notizia: "Non è facile ma preferiamo fermarci"

  • Ragazzo disabile violentato nei bagni del centro commerciale, condannati due uomini

  • "La gente scappava via per la paura", rapinato il negozio Happy Casa del Centro Olimpo

Torna su
PalermoToday è in caricamento