Dalla Regione 21 milioni per i Comuni che investono nei centri di raccolta rifiuti

Il dipartimento regionale Acque e rifiuti ha prorogato al 30 ottobre la scadenza del bando per realizzare o ampliare i centri. Sedici milioni sono destinati alla costruzione dei nuovi impianti, cinque al miglioramento di quelli già esistenti

Il dipartimento regionale Acque e rifiuti, su input del presidente Musumeci, ha prorogato al 30 ottobre la scadenza del bando per realizzare o ampliare i centri comunali di raccolta dei rifiuti. Il termine ultimo era fissato per il 15 ottobre. Il provvedimento, a firma del dirigente generale Salvatore Cocina, è stato pubblicato sul sito del dipartimento e nei prossimi giorni andrà in Gazzetta ufficiale.

La proroga consentirà agli enti locali che avevano chiesto più tempo di poter completare l’istanza di partecipazione. Il bando mette a disposizione 21 milioni per la realizzazione o l’ampliamento di centri di raccolta dei rifiuti urbani per migliorare la raccolta differenziata e ridurre i costi di trasporto. In particolare 16 milioni sono destinati alla costruzione dei nuovi impianti e 5 milioni al miglioramento di quelli già esistenti. I Comuni, singoli o associati, potranno ottenere fino a ottocentomila euro per nuovi impianti e trecentomila per ampliare quelli esistenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' invece scaduto lo scorso 7 ottobre il bando dell’assessorato guidato da Alberto Pierobon per le agevolazioni ai Comuni che promuovono il compostaggio di prossimità dei rifiuti organici. A disposizione ci sono 16 milioni. Dopo aver presentato la domanda di partecipazione, i Comuni dovranno comunicare anche i progetti. Al momento sono una cinquantina quelli pervenuti. L’avviso finanzia l’acquisto di compostiere e attività di informazione. Sono previsti contributi fino a 350 mila euro per Comuni con meno di 5 mila abitanti e fino a un milione e mezzo per i Comuni più grandi con oltre 100 mila abitanti. Queste pratiche consentiranno di smaltire l’organico a livello locale con piccoli impianti domestici, producendo allo stesso tempo compost per uso agricolo e ottenendo sconti sulla Tari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Prima un'erezione di 4 ore, poi la morte: come riconoscere il velenosissimo ragno delle banane

  • Appalti, scommesse e pizzo: undici arresti per mafia tra Noce e Cruillas

  • Folla senza mascherina al Berlin, scatta chiusura: "Denunciato il titolare"

  • Mafia, colpo al mandamento della Noce: ecco i nomi degli 11 arrestati

Torna su
PalermoToday è in caricamento