Rifiuti di Palermo respinti a Catania, l'ira di Orlando: "Troppe anomalie a favore di privati"

Il sindaco annuncia che dopo l'audizione di giovedì in commissione Antimafia regionale chiederà un incontro in commissione Ecomafie e all'Antimafia nazionale. Sotto accusa il comportamento dell'Arpa: "Difficile spiegare sotto il profilo tecnico la discordanza di pareri"

Leoluca Orlando

"Ci sono troppe anomalie nel comportamento di alcuni uffici e agenzie e che si traducono sistematicamente in un rafforzamento della posizione monopolistica dei privati e in ostacoli all'operato della Rap, unica azienda pubblica in Sicilia a possedere una discarica ed un Tmb certificati e in linea con tutti i dettati di legge. Per questo giovedì prossimo, subito dopo l'audizione già fissata in commissione regionale Antimafia, chiederò all'onorevole Stefano Vignaroli e al senatore Nicola Morra di essere ascoltato dalle commissioni bicamerali da loro presiedute".

Lo dichiara Leoluca Orlando dopo quelle che giudica "anomalo" il comportamento dell'Arpa, che a Catania ha rilasciato pareri diversi da quelli che rilascia a Palermo sulla qualità dei rifiuti in uscita dal Tmb della Rap. La stessa agenzia ha pure espresso pareri diversi per l'utilizzo dei rifiuti trattati per la copertura della quinta e della sesta vasca esaurite di Bellolampo.

Rifiuti di Palermo respinti a Catania, 20 camion tornano indietro

"E' un comportamento difficilmente spiegabile sotto il profilo meramente tecnico - prosegue Orlando - che di fatto vanifica il lavoro della Rap e contrasta con l'impegno politico del governo regionale. Guarda caso a beneficiare indirettamente di queste anomalie sono sempre gli stessi padroni del vapore, cioè i gestori dell'immondizia privati che da decenni tengono sotto scacco i siciliani. Guarda caso gli stessi privati che stanno bloccando i rifiuti di Palermo anche di fronte a formali diffide emesse dalla Regione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La Rap e l'amministrazione comunale di Palermo - conclude Orlando - hanno dato per svariati anni sostegno e assistenza a ben 40 Comuni della Provincia di Palermo ed oggi questa disponibilità e collaborazione istituzionale rischia di trasformarsi in un grave danno per i palermitani. Anche per questo ancora una volta ho sollecitato e confido che da parte della Regione in ogni sua articolazione venga lo stesso spirito di collaborazione. E' evidente che oggi è in gioco non solo una partita che riguarda Palermo, ma la capacità che la Sicilia si liberi definitivamente dalla dipendenza e quindi dalle 'anomalie' determinate dallo squilibrio dell'intero sistema a favore dei privati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento