Domenica, 1 Agosto 2021
Politica

Ricostituzione del Partito fascista, Procura chiede processo per due palermitani

Rinvio a giudizio per i fondatori dei Fasci italiani del lavoro. Nel caso venisse accertata la loro responsabilità rischiano una condanna fino a quindici anni di carcere 

La procura di Mantova ha chiesto il rinvio a giudizio per nove persone accusate di ricostituzione del disciolto partito fascista. Si tratta dei fondatori dei Fasci italiani del lavoro. Tra loro ci sono anche i palermitani Marco Piraino, ex esponente di Fascismo e Libertà e Giuseppe Ridulfo, psichiatra. Nel caso venisse accertata la loro responsabilità rischiano una condanna fino a quindici anni di carcere. 

Il movimento avrebbe violato la legge Scelba e la dodicesima disposizione transitoria e finale della Costituzione della Repubblica Italiana. Secondo la procura, il movimento dei Fasci, nel suo manifesto, avrebbe non solo denigrato la democrazia ma introdotto elementi razzisti e più precisamente antisemiti. E tutto questo si troverebbe nella costituzione dello statuto. 

L'indagine aveva preso le mosse dall'elezione in consiglio comunale, nel Mantovano, di Fiamma Negrini (che è tra le 9 persone accusate), figlia dello storico esponente del movimento Fasci italiani del lavoro. Lo scorso giugno la lista aveva preso il 10 per cento dei voti alle elezioni comunali di Sermide e Felonica, piccolo comune in provincia di Mantova, nonostante le polemiche e la censura delle istituzioni per il nome e il simbolo scelti: un fascio littorio, sotto l'insegna "Fasci italiani del lavoro". Il Tar di Brescia a fine gennaio aveva poi stabilito l'esclusione dal Consiglio comunale di Fiamma Negrini, la candidata sindaco (e unica eletta) di quella lista. Motivo: il richiamo esplicito al fascismo, che è contro la nostra Costituzione.

Secondo i giudici, infatti, "il nome della lista chiaramente allusivo, il simbolo che racchiude il fascio repubblicano, lo statuto nelle sue parti fondamentali e la stessa fotografia del fondatore della lista ritratto davanti all'immagine di Benito Mussolini" accreditavano la violazione dell'articolo 12 delle disposizioni transitorie e finali della Costituzione, che vieta la riorganizzazione sotto qualsiasi forma del disciolto partito fascista. 

Proprio ieri i sindacati targati Slai Cobas hanno presentato un esposto denuncia contro la presentazione alle elezioni politiche nazionali delle liste dichiaratamente fasciste di Forza Nuova e Casa Pound. Forza Nuova e Casa Pound. "Il fascismo non è un’opinione, è un crimine - dicono -. L’ultimo attacco nazista e razzista a colpi di pistola contro persone inermi avvenuto a Macerata per mano di un esponente di un fascista dichiarato, sostenuto da Forza Nuova, conferma le caratteristiche fasciste di queste organizzazioni politiche che le mettono automaticamente fuori dalla Costituzione italiana e dalle leggi vigenti in materia di ricostituzione del partito fascista, di apologia del fascismo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricostituzione del Partito fascista, Procura chiede processo per due palermitani

PalermoToday è in caricamento