Mercoledì, 19 Maggio 2021
Politica

Bar e ristoranti con tavoli all'aperto? Comune impreparato: "Al Suap un solo impiegato"

In vista della riaperture previste dal governo Draghi, la commissione Attività produttive lancia l'allarme sull'assenza di personale e sui rimborsi delle strisce blu ad Amat. Anello (Lega): "Quando arriveranno le istanze gli uffici rischiano d'ingolfarsi, convocheremo Giambrone"

Il governo ha già deciso: in zona gialla bar e ristoranti potranno ripartire coi tavoli all'aperto. A Palermo siamo ancora in zona rossa, ma a partire da maggio - quando le misure anti Coronavirus potrebbero allentarsi anche nella nostra città - il Comune rischia di trovarsi impreparato di fronte alle richieste che arriveranno dai tanti esercenti che non vedono l'ora di riaprire.

Due i motivi: lo stallo tra Comune e Amat sui rimborsi degli spazi oggi destinati ai parcheggi a pagamento (le strisce blu per intenderci), che potrebbero essere ceduti ai commercianti per colocare i dehors; la mancanza di personale al Suap, dove in atto è rimasto un solo impiegato che si occupa delle pratiche riguardanti il suolo pubblico.

E' quanto emerso oggi in commissione Attività produttive nel corso di un'audizione del dirigente comunale dell'area Sviluppo economico Luigi Galatioto. I due "nodi" rischiano da un lato di ingolfare gli uffici e stroncare la ripartenza delle attività commerciali pesantemente colpite dal Covid. Per superare lo stallo sui rimborsi delle strisce blu, che l'Amat ha detto al Comune di non essere in grado di quantificare (a differenza di Apcoa che già lo ha fatto), dalla commissione Attività produttive potrebbe uscire la proposta di un ordine del giorno del Consiglio che dia il là ad un intervento del Suap. La cifra per il ristoro, secondo quanto riferito da Galatioto, potrebbe essere quantificata nella misura del 50% della redditività massimo di ogni singolo parcheggio. A meno che l'Amat non dovesse dare un indice di reddititività diverso. 

L'assenza di impiegati in un ufficio destinato ad essere strategico da qui a breve preoccupa - e non poco - il consigliere dellaAlessandro Anello-4 Lega  Alessandro Anello, vicepresidente della commissione Attività produttive: "All'indomani delle dimissioni dell'assessore Piampiano, l'amministrazione Orlando ha svuotato di personale gli uffici di via La Malfa lasciando un solo impiegato alla gestione delle pratiche per la concessione del suolo pubblico. Già in regime ordinario gli uffici non riuscivano a evadere il flusso di lavoro in tempi ragionevoli, come riferiscono tanti cittadini che lamentano ritardi e pratiche immobili sulle scrivanie, figuriamoci cosa potrà accadere a partire da maggio quando potrebbero arrivare centinaia e centinaia di richieste da parte di ristoratori e altri esercenti per posizionare tavoli e sedie nelle zone blu e bianche davanti ai locali in vista delle riaperture".

"E' una situazione inaccettabile - conclude Anello - per questo ho chiesto un'audizione in commissione dell'assessore al Personale e vicesindaco, Fabio Giambrone, in vista della ricomposizione immediata degli uffici rispetto alle risorse umane di cui è stato frettolosamente privato".

Gelarda: "Sì ad autocertificazioni e task force per suolo pubblico o sarà caos"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bar e ristoranti con tavoli all'aperto? Comune impreparato: "Al Suap un solo impiegato"

PalermoToday è in caricamento