Politica

Reset, aumento delle ore momentaneo: sindacati chiedono chiarezza

La Uiltucs: "Ci preoccupa questa decisione anche alla luce delle prossime elezioni comunali, auspichiamo un intervento formale dell'amministrazione"

La Reset ha comunicato a dipendenti e sindacati l'intenzione di prorogare l'incremento dell'orario di lavoro, da 32 a 34 ore settimanali, solo per il periodo aprile-giugno. Una decisione che segue l'annuncio di pochi giorni fa sullo sblocco delle risorse per l'aumento delle ore e che preoccupa i sindacati.

“Pur apprezzando l'impegno dell'amministrazione comunale e del presidente della Reset – dice Marianna Flauto, segretario generale della Uiltucs Sicilia - non si può accettare una ulteriore proroga temporanea dell'incremento orario che doveva essere confermato a tempo indeterminato. Ci preoccupa questa decisione anche alla luce delle prossime elezioni comunali. Auspichiamo un intervento  formale dell' amministrazione – prosegue Flauto - che possa dare garanzie per l'incremento definitivo ma anche tempi certi per la trasformazione a tempo pieno”

In una nota la Reset ha comunicato di avere convocato i lavoratori per l'adesione alla proroga. Le convocazioni partiranno il prossimo 27 marzo. “Stante l'attuazione situazione relativamente alla sottoscrizione dei contratti di servizio con il Comune e le altre partecipate – scrive il presidente Antonio Perniciaro - risultano ancora parzialmente sottoscritti, la società si è determinata a confermare l'attuale orario di 34 ore anche per aprile-giugno”. Nei giorni scorsi la Uiltucs aveva sollevato perplessità sui circa 32 milioni stanziati che sarebbero forse insufficienti anche a fronte del fatto che mancano all'appello circa 6 milioni da incassare per tutta una serie di servizi che la Reset dovrebbe svolgere anche per conto di altre partecipate. Tra l'altro l'accordo siglato nel 2014 tra sindacato e amministrazione comunale prevedeva entro il 2017 il passaggio per tutti a tempo pieno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reset, aumento delle ore momentaneo: sindacati chiedono chiarezza

PalermoToday è in caricamento