rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Politica

Gare sportive, sagre, feste di piazza: privati e associazioni dovranno pagare i costi dei vigili urbani

Lo prevede il regolamento approvato all'unanimità dal Consiglio. Gli eventi che incidono "sulla sicurezza e sulla fluidità della circolazione" ma che "non hanno interesse pubblico" saranno a carico degli organizzatori. Esentate le manifestazioni religiose e quelle co-organizzate dal Comune

Il Consiglio comunale approva all'unanimità il regolamento per i servizi a pagamento della polizia municipale. Da questo momento in poi, le imprese private e le associazioni che organizzano iniziative di carattere sociale, culturale e sportivo che incidono "sulla sicurezza e sulla fluidità della circolazione" ma che "non hanno interesse pubblico" dovranno pagare le prestazioni dei vigili urbani, anche in regime di straordinario. 

L'impiego della polizia municipale per la gestione della sicurezza e della viabilità in occasione di feste di piazza, concerti, gare sportive, sagre, fiere, concerti e spettacoli vari non sarà quindi più a carico dell'amministrazione. Le uniche esezioni sono previste per le manifestazioni religiose e quelle co-organizzate dal Comune. 

La procedura stabilita dal regolamento prevede che i privati inoltrino le domande direttamente al comando della polizia municipale e che il pagamento (da corrispondere entro 5 giorni dalla risposta) sia legato all'effettivo numero di ore di servizio svolte dai vigili. L'autorizzazione arriverà con determina dirigenziale del comandante della polizia municipale, che potrà chiedere integrazioni di pagamento se, rispetto alle previsioni, i vigili effettueranno più ore.

Un emendamento al regolamento (primo firmatario il consigliere Salvo Alotta) stabilisce che la co-organizzazione dell'evento sia formalmente riconosciuta con delibera di Giunta. "In questo modo - spiega lo stesso Alotta - si toglie ai singoli assessori la discrezionalità sul preminente interesse pubblico".

Secondo il presidente del Consiglio Giulio Tantillo, con questa delibera "il Comune avrà un doppio beneficio: da un lato economico e dall'altro organizzativo. L'impiego dei vigili infatti garatisce maggiore sicurezza, controllo e gestione dell'ordine. Anche da un punto di vista dell'immagine, gli organizzatori ne trarranno un beneficio. Il comando dovrà attrezzarsi con uomini e mezzi per le richieste che arriveranno ad esempio in occasione di manifestazioni sportive, feste di piazza, concerti...". 

La pensa così anche Ottavio Zacco, che da presidente della commissione che ha la delega alla polizia municipale, ha condiviso il regolamento con il comandante Margherita Amato. "Abbiamo cercato di coniugare le esigenze del Comune con quelle di chi orgaizza le manifestazioni e richiede prestazioni in materia di sicurezza e di polizia stradale. Con questo atto si potrà mantenere l'ordinario senza sacrificare il personale in turno. Inoltre, saranno i privati a sostenere eventuali ore di straordinario degli agenti destinati dal comando a questi servizi". 

Così, aggiunge Tiziana D'Alessandro (Fdi), "la polizia municipale potrà mettere a disposizione i suoi uomini senza intaccare l'organizzazione ordinaria dei servizi di vigilanza e controllo del territorio".

Fratelli d'Italia, inoltre, con Teresa Leto rivolge "un grazie al comandante Margherita Amato per lo spirito di collaborazione, la professionalità e la competenza messe a disposizione di ciascuna commissione durante queste settimane di approfondimento e confronto". Mentre il vicepresidente del Consiglio Giuseppe Mancuso dice che "finalmente si regolarizza un servizio che non può più essere erogato in forma generalizzata ed a totale carico del Comune".

    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gare sportive, sagre, feste di piazza: privati e associazioni dovranno pagare i costi dei vigili urbani

PalermoToday è in caricamento