Politica

Coppie di fatto, resta tutto da decidere Manca il numero legale in Consiglio

Si tornerà a discutere domattina sull'istituzione del registro anagrafico delle unioni civili. Oggi numeri insufficienti e seduta a vuoto. In tredici avevano votato favorevolmente, due i "no" e tre gli astenuti

Palazzo delle Aquile, sede del Consiglio comunale

Coppie di fatto? Tutto da decidere. Si tornerà a discutere domattina in Consiglio comunale in merito alla mozione presentata da 22 consiglieri sull’istituzione del registro anagrafico delle unioni civili presso i Comuni della Regione. Stamattina, l’intera seduta del Consiglio comunale è stata dedicata alla discussione ma non è bastato. Dopo due ore di, infatti, la seduta è stata rinviata alle ore 10 di domani, perché durante il voto è mancato il numero legale: 13 consiglieri avevano votato “sì”, due “no” mentre tre si sono astenuti.

“E’ un argomento - afferma Sandro Oliveri, vicepresidente del Consiglio comunale e Deputato della Camera - di primaria importanza, un tema da trattare con estrema serietà ed attenzione per tutelare i legittimi diritti di tanti casi che oggi soffrono una carente legislazione, ma evitando il forte rischio che si possa inficiare il concetto stesso di famiglia”.

“Risolvere il problema con l’istituzione del registro delle unioni civili – prosegue Oliveri ­- senza alcuna regola, così come era previsto nella mozione, rischia seriamente l’abuso di tale strumento. I tanti problemi dei numerosi casi di convivenza – conclude Oliveri - potrebbero essere risolti con una più ampia regolamentazione degli attuali contratti di convivenza, previsti dalla legge, in modo da assicurare la tutela dei soggetti legittimamente interessati”.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coppie di fatto, resta tutto da decidere Manca il numero legale in Consiglio

PalermoToday è in caricamento