rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Politica

Polemica per il maxi stipendio della portavoce di Musumeci, la Regione: "Deciderà la Giunta"

La nota arrivata da Palazzo d'Orleans definisce "strumentali e in malafede" il polverone sollevato in queste ore: "Si tratta solo di un nuovo inquadramento giuridico"

Un disegno di legge, approvato grazie a un solo voto favorevole in più rispetto a quelli contrari, avrebbe consentito - secondo l'accusa - di equiparare lo stipendio della portavoce del presidente della Regione, Michela Giuffrida, già europarlamentare del Pd, a quello di un dirigente apicale. L'Ars ha quindi approvato e le cifre si aggirano sui 100 mila euro all'anno sino a un tetto massimo di 160 mila. Così Musumeci è finito nell'occhio del ciclone per un aumento di stipendio giudicato inopportuno dalle opposizioni. In queste ore è arrivata la replica della Regione: "La norma che riguarda la figura del portavoce del presidente della Regione, approvata nei giorni scorsi, ne individua lo status giuridico determinando il superamento della esistente, stabilita con precedente legge regionale che lo equiparava, unica tra le Regioni italiane, a quello del segretario particolare, del presidente e degli assessori. E' evidente a tutti come le due figure professionali siano distinte, per compiti e responsabilità".

"Il nuovo inquadramento giuridico che, è bene sottolinearlo, allinea così il ruolo del portavoce alla normativa della maggior parte delle Regioni italiane, non comporta automaticamente - prosegue la nota - il trattamento economico massimo previsto dalla norma. La retribuzione, infatti, sarà stabilita con deliberazione della Giunta regionale (e quindi ridotta, come già avvenuto per molte altre posizioni apicali). E ancora una volta sarà in linea con quanto previsto dagli Enti di pari livello. Quindi, molto lontano dalla dimensione ipotizzata, in molti casi strumentalmente e in malafede".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polemica per il maxi stipendio della portavoce di Musumeci, la Regione: "Deciderà la Giunta"

PalermoToday è in caricamento