rotate-mobile
Politica

Il M5S sfiducia Crocetta e chiama a raccolta i partiti: "Siano coerenti"

"Noi - spiega Giancarlo Cancelleri - siamo 14 e per depositare la mozione servono almeno 18 firme. Ci sono le condizioni per chiudere questa legislatura ma loro, Udc, Sicilia Futura, Sdr, devono essere coerenti con quello che dicono"

"Questa non è solo una sfiducia al presidente Crocetta, che ormai è una persona che non esiste neppure nell'immaginario collettivo dei siciliani, ma nei confronti di una porzione di maggioranza che litiga per interessi personali, per le poltrone in giunta. La Sicilia è paralizzata". Così i deputati regionali del Movimento 5 Stelle motivano la decisione di presentare una mozione di sfiducia al governatore Rosario Crocetta.

Si tratta della terza mozione di sfiducia che i pentastellati presentano in tre anni, ma la richiesta non è mai passata. "Il nostro obiettivo  - spiega il capogruppo all'Ars, Giorgio Ciaccio - è di chiudere questa legislatura il prima possibile, perchè non è giusto nei confronti dei siciliani continuare a distruggere questa terra. Non penso che qualcuno possa accusarci di essere attaccati alle poltrone, lo abbiamo dimostrato e siamo qui per questo".

"Non ci tiriamo indietro, i 14 deputati M5s sono pronti a dimettersi - sottolinea Giancarlo Cancelleri - ma per chiudere la legislatura servono 46 dimissioni, noi ci siamo. Noi siamo 14 e per depositare la mozione servono almeno 18 firme". Il M5s consegnerà il testo della mozione agli altri gruppi di opposizione per le eventuali integrazioni. Secondo i grillini "ci sono in campo undici dodici persone che potrebbero fare la differenza. Qualcuno potrebbe dire perché sostenere la mozione del M5S e non presentarne una noi. Ma queste - ha aggiunto - sono logiche della politica, noi intanto abbiamo messo in campo uno strumento. Ci sono le condizioni per chiudere questa legislatura ma loro, Udc, Sicilia Futura, Sdr, devono essere coerenti con quello che dicono".

Da Cancelleri è arrivata una stoccata a Faraone, che ha accusato il M5S di essersi assuefatto al palazzo. “Faraone – ha detto Cancelleri - non ha proprio nulla da insegnarci  in considerazione del suo passato e anche del suo presente. Anzi, a Renzi lancio un appello: venga a riprendersi i bambolotti che lo rappresentano in Sicilia”.

LE REAZIONI

“Crediamo che questa esperienza di governo sia giunta al definitivo capolinea, chiediamo a tutti i deputati siciliani un ultimo sussulto di dignità e coraggio: dimettetevi immediatamente. Solo così si porrà fine a questa lenta agonia che si è protratta già per troppo tempo”. A dirlo è Massimo Fundarò, coordinatore regionale di Sinistra ecologia e libertà Sicilia. “Mentre i dati Istat incoronano la Sicilia come la regione più povera d'Italia, il bilancio della Regione è ancora congelato in attesa dell'intervento salvifico di Roma per colmare il buco. E di fronte a questa realtà dei fatti, il governatore Crocetta annaspa e la sua maggioranza litiga per le ultime poltrone da assegnare”.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il M5S sfiducia Crocetta e chiama a raccolta i partiti: "Siano coerenti"

PalermoToday è in caricamento