menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In Giunta il sì alla Finanziaria, Crocetta: "Tutelati i ceti deboli"

Nel testo confermata l’ecotassa sui rifiuti (per i comuni che non fanno la raccolta differenziata) e la tassa sull’inquinamento acustico. Istituito il fondo per l'inclusione sociale. Previsto anche il sostegno al reddito per i meno abbienti

Il governo regionale siciliano, guidato dal presidente Rosario Crocetta ha approvato all'unanimità la Finanziaria 2016. Il documento, che verrà illustrato nei prossimi giorni, è stato approvato all'unanimità. L'esecutivo siciliano ha proposto importanti provvedimenti che riguardano larghe fasce della popolazione dell'isola. Si tratta di "una finanziaria di riequilibrio dei conti", hanno comunicato da Palazzo d'Orleans. Una manovra - ha spiegato Crocetta - che tutela fortemente i ceti deboli".

Il testo è composto da una cinquantina di articoli. Prima dell'approdo in Aula sarà trasmesso all'Ars per l'esame nelle commissioni e al Bilancio. Previsti tagli per 400 milioni di euro. Salta la norma sulla tassa aerea mentre sono state confermate le sforbiciate ai gettoni di amministratori e consiglieri comunali e sul salario accessorio dei dirigenti regionali. Stretta sui permessi sindacali: ciascun beneficiario non potrà averne più di trenta all’anno.

Nel testo confermata invece l’ecotassa sui rifiuti (per i comuni che non fanno la raccolta differenziata), la tassa sull’inquinamento acustico e l’incremento delle concessioni sui distributori di carburante. Istituito il fondo per l'inclusione sociale. Previsto infine il sostegno al reddito per i meno abbienti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento