Politica

Il sì dell'Ars a contributi e benefici, svolta storica per le coppie di fatto

Approvati due articoli della Finanziaria che estendeno alle coppie di fatto, omosessuali e non, la possibilità di accede a contributi, agevolazioni e benefici previsti dalla Regione per le famiglie. Prosegue la maratona, i precari assediano Palazzo dei Normanni

Palazzo dei Normanni

Un altro passo dal "sapore storico" per la cultura e la politica siciliana, destinato però a scatenare polemiche. L'Ars ha approvato un articolo della Finanziaria che estende alle coppie di fatto, omosessuali e non, la possibilità di accede a contributi, agevolazioni e benefici previsti dalla Regione per le famiglie. Tanti i parlamentari siciliani tra i banchi dell'opposizione che hanno tentato di opporsi, tirando in ballo profili di incostituzionalità, ritenendolo un provvedimento lesivo per le famiglie "tradizionali". Favorevoli invece gli esponenti del Movimento 5 Stelle.

Un altro tassello verso il riconoscimento di pari diritti alle coppie non sposate, che si aggiunge a quello che ha dato il via libera agli aiuti sulla prima casa delle giovani coppie sancito dall'articolo 26 del testo. "La misura nasce per le coppie, nessuno - ha spiegato il Governatore Crocetta - sta andando contro le famiglie con figli. Ricordo che le graduatorie vengono fatte con l'Isee, che prevede anche il calcolo dei figli nello stabilire il livello di reddito, non facciamo demagogia".

Crocetta avrebbe anche sottolineato "l'inutilità" della polemica, dato che l'estensione della misura inciderebbe sul 2-3% di persone non sposate tradizionalmente, non cancellando così i propositi della norma. Oltre alle agevolazioni per i mutui, approvate lo scorso sabato con l'articolo 26,  le coppie di fatto e le famiglie monoparentali potranno usufruire di ulteriori contributi e benefici. E su questo punto hanno acceso il dibattito i deputati del centrodestra, appellandosi a questioni etiche legate al concetto di famiglia.

"Passo dopo passo ci avviciniamo alle grandi democrazie occidentali", ha commentato Fabrizio Ferrandelli. "Con l'approvazione degli articoli 26 e 39 - afferma D'Agostino (Udc) - oggi l'Ars scrive una pagina storica. Sui diritti civili e, in particolare, sulla condizione di parità in cui vengono posti tutti i nuclei familiari, comprese le coppie di fatto, la Sicilia è oggi di esempio per la nazione, avendo fatto un grande, importante e civilissimo passo in avanti"

PALAZZO ASSEDIATO. E mentre all'interno si discute la Finanziaria, Palazzo Normanni è sott'assedio da parte di circa 200 precari di varie categorie esclusi dalle proroghe approvate sabato sera dall'Ars, nell'ambito dell'esame della manovra finanziaria. Le forze dell'ordine in tenuta antisommossa hanno presidiato il portone d'ingresso, da dove nessuno può entrate e uscire. Tra i manifestanti molta tensione. 

LA MARATONA CONTINUA. Entro la giornata di oggi la legge di stabilità dovrà vedere la luce. Ma, oltre agli articoli ancora da approvare (una quindicina) sarà battaglia sugli emendamenti aggiuntivi, con i quali il governo vuole far passare il ddl salvaimprese e la riforma delle partecipate.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sì dell'Ars a contributi e benefici, svolta storica per le coppie di fatto

PalermoToday è in caricamento