Regione e collegio degli italiani all'estero insieme per promuovere la cultura italiana

Firmata l'intesa tra l’assessorato all’Istruzione, l’Ersu e il Cgie, Consiglio generale degli italiani all’estero

La firma dell'accordo

È stato firmato oggi, nella Sala Mattarella di Palazzo dei Normanni, un protocollo d’intesa tra l’assessorato regionale all’Istruzione e alla Formazione professionale, l’Ersu di Palermo e il Cgie, Consiglio generale degli italiani all’estero, che li impegna in un percorso di attività comuni volte a promuovere la conoscenza della cultura italiana nel mondo.

“Sono convinto che il Cgie possa fornirci buoni elementi di contatto e di scambio – spiega l’assessore Roberto Lagalla - per poter radicare ancora di più la tradizione delle culture provenienti da ogni parte del mondo con la nostra, che è italiana e internazionale insieme. Durante la mia esperienza di rettore ho firmato tanti protocolli d’intesa ma sono convinto che la proposta del Cgie sia oggi più che mai importante per poter valorizzare lo scambio culturale e le opportunità che possono derivarne per il nostro Paese. È in questa direzione che vedo possibili occasioni per costruire un reticolo di conoscenze e alleanze che possono modificare in senso adeguato mentalità e cultura, perché solo attraverso una profonda modificazione visionaria della mentalità e della cultura che si possono superare gli steccati del passato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E infine Lagalla ha ricordato la figura di Piersanti Mattarella: “Un presidente della Regione volitivo e visionario, portatore di un cambiamento che mirava a sconvolgere una realtà incistita e stratificata. Un atteggiamento, il suo, che lo portò ad una morte orrenda ma ricordare il passato non è solo esercizio di memoria, significa attualizzare quel messaggio, mantenerlo vivo rispetto alle scelte possibili del presente ed operare affinché queste scelte siano sempre di più coerenti e conformi non solo a quel pensiero, ma a ciò che è giusto per questa Sicilia e per questo governo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, coinvolto il cantante De Martino: morto un sessantenne

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Apre a Palermo l'Antica pizzeria da Michele, dopo Napoli è l'unica del Sud Italia

  • Omicidio a Camporeale, colpi di pistola in piazza: morto un ragazzo di 26 anni

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Condannato a 5 anni il questore di Palermo: "Caso Shalabayeva, fu sequestro di persona"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento