menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Referendum, il 4 dicembre si vota la riforma della Costituzione: la guida

Come, quando e cosa si vota. Le ragioni del sì e le ragioni del no alla Riforma Boschi. Tutte le informazioni utili per un voto consapevole

Il 4 dicembre gli italiani saranno chiamati alle urne per approvare o bocciare con un sì o con un no il referendum consultivo sulla riforma costituzionale. La data è stata fissata, non senza polemiche, dal Governo Renzi, dopo che l'ufficio centrale della Corte di Cassazione ha ammesso l'8 agosto 2016 la richiesta di referendum sul testo di legge costituzionale approvato dal Parlamento lo scorso aprile. 

LA RIFORMA BOSCHI - Gli italiani saranno chiamati ad approvare la riforma costituzionale del Senato e del Titolo V, a cui il premier ha più volte legato la sua futura carriera politica trasformando la consultazione in un plebiscito sul presidente del Consiglio, anche se ha poi ritrattato. Il referendum del 4 dicembre è confermativo di una legge costituzionale approvata con una maggioranza inferiore ai due terzi del Parlamento. Per il referendum confermativo non è richiesto il quorum di validità, ovvero il voto del 50% più uno degli aventi diritto come nel caso richiesto da un referendum abrogativo. Quindi a prescindere dal numero di partecipanti, vincerà l’opzione (Sì o No) che ha ottenuto la maggioranza dei voti. Alle urne gli italiani riceveranno una scheda elettorale su cui sarà riportato il quesito sottoposto a referendum e due caselle da barrare, una per il sì ed una per il no.

referendum quesito-foto-2

LE NOVITA' INTRODOTTE DALLA RIFORMA

LE RAGIONI DEL Sì

LE RAGIONI DEL NO

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento