rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Partecipate

Rap, nominato il nuovo Cda: Giuseppe Todaro è il presidente

L'assemblea dei soci ha designato anche Giuseppe Edoardo Scarlata (vicepresidente) e Patrizia Porrello (consigliera). Il consigliere comunale Randazzo, nelle scorse settimane, aveva posto un'interrogazione su una presunta incompatibilità della nuova guida dell'azienda che si occupa della raccolta rifiuti

Giuseppe Todaro è il nuovo presidente di Rap, la società partecipata del Comune, che si occupa della gestione dei rifiuti. La nomina è arrivata nel corso di una assemblea dei soci, che ha fatto seguito a una determina del sindaco Roberto Lagalla che indicava i componenti del nuovo Cda, con le relative funzioni. La determina indica nel nuovo board di Rap anche Giuseppe Edoardo Scarlata (vicepresidente) e Patrizia Porrello (consigliera).

Il nome di Todaro circolava ormai da settimane, ma dopo le dimissioni da amministratore unico di Girolamo Caruso, il consigliere comunale del M5s Antonino Randazzo aveva sollevato dubbi con un'interrogazione: "Chiediamo chiarimenti - il quesito posto da Randazzo - in merito all’eventualità di conferire un incarico a un soggetto che risulta essere anche il rappresentante legale di una ditta fornitrice di un servizio per conto della stessa società partecipata della quale dovrebbe divenire amministratore". Todaro è infatti amministratore dell'impresa Operazioni e Servizi Portuali Osp di Palermo.

In una nota firmata dal capo di gabinetto Sergio Pollicita e dal sindaco Lagalla era arrivata la risposta dell'amministrazione: "A oggi, questo ufficio non ha posto in essere alcuna istruttoria in ordine a designazioni relative alla società Rap spa. Qualora il soggetto de quo (Todaro, ndr) dovesse essere individuato quale rappresentante dell'amministrazione nella citata società si terrà conto di quanto esposto nell'interrogazione che si riscontra". Adesso è arrivata la nomina di Todaro, che sulle presunte incompatibilità di cui si è parlato nelle ultime settimane dice: "Con Osp, una delle aziende che ho l’onore di guidare, avevamo un subappalto che è scaduto e non è stato rinnovato. Quindi reputo la questione ad oggi chiusa, per non dire inesistente".

"Per natura sono ottimista - afferma a caldo il neo presidente della Rap - e non potrebbe essere altrimenti visto che ho deciso di investire tempo ed energie in una terra da sempre abbastanza ostile a chi vuol fare impresa. Proprio perché sono ottimista, e per certi versi anche testardo, ho deciso di accettare questo prestigioso incarico anche se buona parte delle persone che mi stanno accanto mi consigliavano di rinunciare. Quando si parla di Rap e della situazione dei rifiuti in Sicilia c’è sempre un approccio pessimista, in tutti c’è la convinzione che non cambierà mai nulla, che niente e soprattutto nessuno potrà mai venirne a capo".

Le questioni aperte e le criticità, in seno a Rap, sono tante e sono tutte abbastanza note. "Chiaramente - aggiunge Todaro - ho in mente un mio progetto che discuterò con il sindaco e con i soci. Ma qualunque sarà la traiettoria che intraprenderemo insieme, non si potrà prescindere da tre elementi: il potenziamento della differenziata, il rilancio di Bellolampo non più solo come discarica ma anche come polo logistico e, soprattutto, un patto con i palermitani e con tutta la struttura aziendale, dalla dirigenza alla rappresentanza sindacale passando per il singolo dipendente. Bisogna insistere sul concetto di sinergia, perché una città pulita è il risultato di chi raccoglie i rifiuti ma anche di chi li smaltisce correttamente. Senza questo lavoro di squadra mancherà sempre un tassello fondamentale".

"A nome mio e del gruppo consiliare della Democrazia Cristiana al Comune, formulo i migliori auguri a tutti i nuovi componenti del consiglio d'amministrazione della Rap. Raccolta differenziata, pulizia della città, lotta agli incivili e all’abbandono illecito dei rifiuti, lavori alla discarica di Bellolampo, questi devono essere i punti nodali della nuova governance per il rilancio dell’azienda. Sono certo che i professionisti indicati dal sindaco faranno un lavoro importante nella società partecipata, in questo momento storico, più strategica per il Comune. Al presidente Todaro, al vice presidente Scarlata e al consigliere Porrello i nostri migliori auguri di buon lavoro", dichiara Domenico Bonanno, capogruppo della Dc a Sala delle Lapidi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rap, nominato il nuovo Cda: Giuseppe Todaro è il presidente

PalermoToday è in caricamento