rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Politica Montepellegrino

Puzza misteriosa nel quartiere Montepellegrino, interrogazione del M5S all'Ars

Dopo il reportage di PalermoToday e i "silenzi" del Comune sulla vicenda che coinvolge migliaia di residenti, i deputati grillini hanno chiesto all'assessorato alla Salute di chiarire il caso. "I cittadini hanno diritto a delle risposte sull'aria che respirano"

Il caso della puzza nauseabonda che avvolgere parte del quartiere Montepellegrino arriva all'Ars. Dopo il reportage di PalermoToday (LEGGI) è stata presentata, nei giorni scorsi, un'interrogazione (con risposta scritta) da parte del Movimento5Stelle indirizzata al presidente Crocetta, all'assessore al Territorio e Ambiente Piergiorgio Gerratana e all'assessore alla Salute Lucia Borsellino, per sapere cosa intende fare il Governo regionale. L'Amministrazione, dopo l'avvicendamento tra i sindaci Cammarata e Orlando, ha "preferito" fare orecchie da mercante, ritenendo di non dover rispondere né alla Procura né alla città. Ma la musica potrebbe essere cambiata.

Poche le considerazioni messe nero su bianco, ancor meno le risposte invocate. Ecco le premesse: "Da tempo l'area residenziale del quartiere Acquasanta-Montepellegrino - si legge nell'interrogazione - è avvolta da forti e nauseabondi odori le cui esalazioni costringono i residenti a non tenere aperte le loro finestre. Considerato che già nel 2006 il quartiere è stato oggetto di diverse verifiche ambientali come un'inchiesta della Procura della Repubblica, relativa allo sversamento di rifiuti tossici in acqua; l'Arpa ha effettuato controlli e sopralluoghi nel quartiere per accertare le cause della diffusione di odori non controllata, segnalando al Comune, quale possibile causa degli olezzi nell’aria, l’effettuazione di alcuni lavori alle vasche riconducibili all'ex Bonifiche spa, e che ad oggi non è stato possibile eliminare le cause dei cattivi odori".

Due le semplici domande che pongono i deputati grillini: "Quali azioni intende intraprendere il Governo per far fronte ad una grave situazione di inquinamento ambientale che ha reso il quartiere Acquasanta-Montepellegrino insalubre? Quali misure di sicurezza intenda adottare il Governo per garantire il costante monitoraggio delle emissioni odorigene al fine di evitare il superamento delle soglie di normale tollerabilità?". Ci si augura che l'iniziativa dei deputati grillini porti il Comune ad uscire dal silenzio dietro il quale si è trincerato fino ad oggi.

Il disagio riguarda un'area residenziale molto popolata. Migliaia i residenti che vogliono sapere cosa respirano. "Questa storia va avanti da tempo - aveva spiegato Paola Sireci, edicolante di piazza Acquasanta - e che costringe noi residenti a tapparci in casa. La settimana scorsa l'aria era davvero irrespirabile, sia di giorno che di notte. E lo dico io che, oltre a lavorarci, vivo qui vicino". "Un misto tra gas, gasolio, zolfo e fognature che non ci permette di tenere le finestre aperte", aveva raccontato invece Salvatore Angelica, da poco si è trasferito in via Montalbo

L'interrogazione porta la firma dei deputati regionali Giovanni Carlo Cancelleri, Francesco Cappello, Giorgio Ciaccio, Gianina Ciancio, Vanessa Ferreri, Angela Foti, Claudia La Rocca, Matteo Mangiacavallo, Valentina Palmeri, Salvatore Siragusa, Sergio Tancredi, Giampiero Trizzino, Valentina  Zafarana e Stefano Zito.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Puzza misteriosa nel quartiere Montepellegrino, interrogazione del M5S all'Ars

PalermoToday è in caricamento