"Sbagliato ridurre i punti nascita", sindaci delle Madonie in pressing su Roma

I primi cittadini sono stati ricevuti al ministero della Salute per discutere delle criticità dei territori. Sarà stilato un dossier con punti deboli e proposte

Una delegazione di sindaci delle aree interne delle Madonie stamani è stata ricevuta a Roma, al ministero della Salute, per discutere delle criticità dei territori. Tra i temi in agenda, su tutti, quello dei punti nascita.

L’impegno della delegazione è quello di produrre un dossier che, in maniera puntuale, "sintetizzi le criticità evidenziate e al contempo possa rappresentare base e presupposto per rivendicare legittime richieste di deroga per i punti nascita". I sindaci hanno chiesto l'apertura di un tavolo di confronto che includano anche i vertici delle Asp di Palermo e Messina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Erano presenti i sindaci Pietro Macaluso (Petralia Soprana), Franco Calderaro (Castellana Sicula), Francesco Migliazzo (Gangi), Leonardo Neglia (Petralia Sottana), Piercalogero D'Anna (Bompietro), Luigi Iuppa (Geraci Siculo), Lillo Puleo (Vice sindaco di Blufi) e Sandro Silvestri (assessore di Polizzi Generosa).
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

Torna su
PalermoToday è in caricamento