rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Politica

Sit in dei dipendenti regionali, ultimatum all'assessore: "Linee guida per il rinnovo o protesta permanente"

Una delegazione di sindacalisti di Cgil, Cisl, Uil, Cobas/Codir, Sadirs e Ugl ha incontrato Zambuto. L'esponente dell'esecutivo Musumeci ha riferito che aprirà un confronto col governo nazionale sul tema della pubblica amministrazione siciliana

Non si sblocca la vertenza dei dipendenti regionali per il rinnovo dei contratti e la riclassificazione del personale. Una delegazione di sindacalisti è stata ricevuta dall'assessore regionale alla Funzione pubblica Marco Zambuto durante il sit in di protesta organizzato da Cgil, Cisl, Uil, Cobas/Codir, Sadirs e Ugl davanti alla sede dell'assessorato in viale Regione. Il nodo da sciogliere è uno: senza le linee guide del governo regionale l'Aran Sicilia non può procedere. E questo anche se, nell'ultima Finanziaria, per il rinnovo del contratto del comparto, sono già stati stanziati 52 milioni di euro. L'assessore ha garantito che a breve le linee guida saranno pubblicate e ha riferito che domani, a Roma, aprirà anche un confronto col governo nazionale sul tema. 

"I rappresentanti sindacali, preso atto delle dichiarazioni precise dell’assessore, hanno dichiarato - precisa una nota - che seguiranno con attenzione, inderogabilmente, l’evoluzione di quanto detto e, da lunedì, qualora ci si trovi di fronte a un qualsiasi ritardo nella tabella di marcia dettata da Zambuto, attiveranno un presidio permanete di protesta sotto l’assessorato alla funzione pubblica per denunciare pubblicamente ogni eventuale forma di immobilismo o mancato mantenimento di impegni presi che sfocerebbe, inevitabilmente, in ulteriori forme di protesta".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sit in dei dipendenti regionali, ultimatum all'assessore: "Linee guida per il rinnovo o protesta permanente"

PalermoToday è in caricamento